Chi siamo: il curriculum e la nostra storia

I Comelianti

Commedie, risate, allegria, ma anche momenti più impegnati: questi sono gli ingredienti dell'attività svolta dal gruppo teatrale amatoriale del Comelico, nell'alto bellunese, "I Comelianti". La compagnia si cimenta in svariate esibizioni di vario genere, dalle commedie, alle letture interpretate di brani e poesie dal vivo di vario tema, sia quelli più impegnati che testi più "leggeri" quali racconti e fiabe per bambini o pezzi comici, agli spettacoli di cabaret. Ecco il nostro curriculum completo:

Maschere

Curriculum: I Comelianti sono nati nell'autunno del 2009, in seno al laboratorio di teatro promosso dal prof. Claudio Michelazzi a Costalissoio. Oltre alle numerose varie esibizioni di lettura dal vivo, hanno ideato, scritto e realizzato le commedie "Cinematti da Legare" (estate 2010), "Rime in Osteria" (stagione 2010/2011), "Mare & Monti" (stagione 2011/2012), "L'Eredità" (stagioni 2012/2013 e primavera 2015) che ha debuttato il 7 dicembre 2012 facendo segnare il primo "tutto esaurito" della compagnia per un'esibizione in un teatro, e "L'amore delle tre melarance" (stagione 2013/2014), unico riadattamento di un copione esistente, con regia di Claudio Michelazzi. Alternati alle riproposizioni delle commedie, il gruppo ha realizzato tre spettacoli cabarettistici: "Un po' di Cabaret - parte 1^" (estate 2011), "parte 2^" (stagione 2011/2012) e "Ancora... Un po' di Cabaret - parte 3^" stagione 2013/2014), lo spettacolo di letture teatrali "DonnaIronia" (in riproposizione), nonché gli impegnati lavori di letture teatrali "Coscienza e ragione: parole sul Vajont" (debutto ottobre 2013, in riproposizione), che è stato inserito nei calendari ufficiali degli eventi per gli anniversari 50° e 52° della sciagura del Vajont, e "La Grande Guerra in Comelico" (debutto settembre 2015, in riproposizione), nonché svariate iniziative con letture animate per bambini. Costituitosi dal gennaio 2014 come associazione culturale riconosciuta, ed affiliato alla U.I.L.T dal febbraio 2014, il gruppo si è anche esibito alla presenza di importanti personaggi della cultura e del giornalismo, durante eventi che li vedevano ospiti, quali Enrico Vaime, famoso scrittore ed autore televisivo, Lirio Abbate e Gaetano Savatteri, giornalisti di caratura nazionale, e Lidia Ravera, importante scrittrice. Inoltre, è apparso per due volte, nel 2010 e nel 2013, nella trasmissione "Amici di Teresa" dell'emittente Antenna 3 Nordest (nel 2010 su TeleBelluno), è stato ospite più volte in diretta nelle emittenti radiofoniche locali Radio Cortina e Radio Club 103 ed è apparso, in un capitolo ad esso interamente dedicato, nel libro di Stefano Vietina "Io vivo in montagna". La compagnia ha anche collaborato, tramite numerose iniziative, con diversi Enti ed Associazioni, quali la Fondazione Centro Studi Transfrontaliero del Comelico e Sappada, le associazioni benefiche "Vita senza dolore" e "Insieme si può", alcuni Comuni della zona Cadore-Comelico, nonché il Settore Cultura della Provincia di Belluno con il cartellone "RetEventi"; nell'estate/autunno 2013 è stata promotrice di un laboratorio di arte teatrale a Santo Stefano di Cadore aperto a tutti e da gennaio a giugno 2017 ha promosso un laboratorio teatrale per ragazzi dai 14 ai 18 anni a S. Stefano di Cadore. Dal 2014, co-organizza l'annuale rassegna teatrale "Autunno a teatro in Comelico". La formazione artistica degli attori è progredita negli anni grazie alla frequentazione di diversi corsi e laboratori (clic sul paragrafo sotto per i dettagli).

Corsi di formazione:

ottobre 2009 - aprile 2010, Costalissoio di S. Stefano di Cadore, Laboratorio teatrale a cura di Claudio Michelazzi, principali argomenti: tecniche teatrali di base, improvvisazione, principi di dizione, interpretazione di testi in prosa, principi di drammaturgia, scrittura creativa di copioni teatrali;
maggio - dicembre 2013, S. Stefano di Cadore, Laboratorio di arte teatrale a cura di Claudio Michelazzi, principali argomenti: tecniche teatrali di base, improvvisazione, principi di fonetica, analisi e messa in scena di un copione teatrale, costruzione dei personaggi;
20-21 settembre 2014, S. Pietro in Gu (PD), Laboratorio teorico-pratico sulla voce messa in scena "A bocca chiusa" a cura della prof. Marzia Bonaldo, principali argomenti: esercizi di scioglimento/rilassamento, esercizi sulla parola in movimento, esercizi sull’attenzione visiva uditiva, esercizi sulla presa di coscienza del proprio corpo/voce nello spazio attraverso l’uso di strumenti teatrali quali burattini e maschere per sviluppare il suono, la voce e la parola;
15-16 novembre 2014, Arzignano (VI), Laboratorio teatrale "Il mondo di Arlecchino" a cura di Paolo Rozzi, principali argomenti: il percorso prende l’avvio da una serie di “esercizi giocosi” motivati da input musicali al fine di facilitare la sociabilità tra i corsisti nonché allenare mente e corpo per affrontare il viaggio fantastico nell’affascinante “Mondo di Arlecchino”. Creare cosa? O meglio… improvvisare cosa? La maschera (il personaggio) con cui siamo entrati in simpatia, in sintonia, appartenente al magico mondo di Arlecchino: il Dottore, il Capitano, gli Innamorati, Isabella, Rosaura, gli zanni e lo stesso Arlecchino.
21-22 marzo 2015, San Bonifacio (VR), Laboratorio teatrale al femminile per la messa in scena del testo "I Monologhi della Vagina" di Eve Ensler, a cura di Federica Carteri e Roberta Zonellini (compagnia "Il Gatto Rosso" - Peschiera del Garda VR), principali argomenti: allestimento e messa in scena del testo per promuovere il teatro anche come strumento di sensibilizzazione, per celebrare il dovere e il piacere di un attore nel comunicare.
18-19 aprile 2015, Ponte San Nicolò (PD), Laboratorio di scrittura teatrale "Drammaturgia: creatività ed artigianato" a cura di Paolo Zaffaina, principali argomenti: come valutare, sviluppare o modificare un’idea, lo scopo; la struttura di una trama; caratterizzazione, conflitti ed obiettivi dei personaggi; il dialogo, struttura, ritmo, silenzio, il rischio didascalico; dalla tragedia al comico, il riso come tragedia, il dramma come divertimento; spazio e tempo, la coerenza spazio-temporale, la potenzialità dell’incoerenza spazio-temporale; breve escursus nel teatro contemporaneo; come "rubare" ai grandi drammaturghi, come utilizzare il "bottino".
31 maggio, 1-2 giugno 2015, Dosoledo di Comelico Superiore (BL), Laboratorio teatrale sull'improvvisazione "All'improvviso" a cura di Francesco Facciolli, principali argomenti: esplorazione di aspetti legati alla presenza scenica e alla creatività dell'attore; scoperta degli strumenti per creare la verità sulla scena e per improvvisare da soli e in gruppo; improvvisazione teatrale anche come approccio al testo; esercizi sul gioco scenico, sviluppo del ritmo, reattività, presenza scenica, consapevolezza del potenziale scenico e sviluppo capacità performative. Programma: training fisico e vocale; coordinazione e partitura; corpo e spazio; lavoro con il partner e con il gruppo; improvvisazione e gioco teatrale.
4 ottobre 2015, Ponte San Nicolò (PD), Laboratorio teatrale sulla promozione degli spettacoli "La cassetta degli attrezzi" a cura di Daniele Filosi, principali argomenti: progetto, definizione ruoli e mansioni, budget di progetto, contratti, scheda tecnica, materiale promozionale, debutto, strategia di distribuzione, vendita e i contratti di rappresentazione, gestione e promozione della replica su piazza, organizzazione tournée.
21-22 novembre 2015, Pieve di Cadore (BL), Laboratorio teatrale generico riservato ai membri della compagnia a cura di Rajeev Badhan, principali argomenti: esercizi su sintonia di gruppo e relazioni psico-fisico-sensoriali fra gli attori, movimenti in scena, analisi testo teatrale.
27-28-29 novembre 2015, Schio (VI), Laboratorio teatrale sul "Metodo delle azioni fisiche" a cura di Carlos Maria Alsina, principali argomenti: percorso di formazione dell’attore basato sul metodo delle azioni fisiche, partendo dall’approccio finale di Stanislavskij e dalle intuizioni di Čechov e Brecht. Secondo questo metodo, il compito dell’attore non è rappresentare emozioni vissute precedentemente, bensì compiere azioni per raggiungere degli obiettivi, con il risultato che in conseguenza di ciò le emozioni che servono all’attore per una credibile interpretazione del personaggio, spontaneamente si manifestano. Laboratorio composto da una base teorica e da un percorso di esperienza pratica.
febbraio - maggio 2016 e novembre 2016 - maggio 2017, Pieve di Cadore (BL), Laboratorio teatrale avanzato a cura di Rajeev Badhan e Elena Strada, compagnia "Slow Machine" di Belluno, principali argomenti: approccio e approfondimento su diversi aspetti teatrali: registici, drammaturgici, corporali, attoriali e svariati altri, con presentazione finale al pubblico del lavoro svolto durante il percorso.
18-19 marzo 2017, Schio (VI), Laboratorio teatrale sul teatro comico "Signori, si ride" a cura di Paolo Rozzi, principali argomenti: excursus sui meccanismi della comicità nel teatro moderno e sulle concezioni teoriche che ne hanno determinato l’evoluzione (Bergson, Pirandello, Freud, ecc.), lettura e analisi di scene tratte da opere di W. Shakespeare, A. Campanile e K. Valentin, abbozzo di allestimento, esercitazioni e allestimento delle scene affrontate per di mettere in evidenza la "costruzione" della risata nel pubblico attraverso l’uso del corpo e della voce.

Premi e riconoscimenti:

• Premio "Amico de La Sorgente" ed. 2015, per l'attività artistico-teatrale portata avanti nel territorio di Comelico e Cadore.
Motivazione: «... "Vivi come credi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un' opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, e vivi intensamente ogni giorno della tua vitaprima che l'opera finisca senza applausi..." Charlie Chaplin. Con questa frase di Charlie Chaplin il gruppo teatrale de "I Comelianti" si presenta sul sito. La compagnia si costituisce nel 2009 e si orienta nella scrittura e realizzazione di commedie comiche, spettacoli di Cabaret sia leggeri che impegnati. Per la dedizione e la passione dedicati a quest'Arte che ci permette di vivere emozioni, dona spensieratezza e ci regala qualche sorriso la Sorgente consegna al Gruppo Teatrale "I Comelianti" il premio Amico La Sorgente.»

 

 

Il "romanzo" della nostra storiasipario

Anno per anno:

"Gli inizi": il 2009

"Le prime uscite": il 2010

"Orizzonti allargati": il 2011

"Per grandi e per piccini": il 2012

"La tribù si allarga": il 2013

"Ufficiali e riconosciuti": il 2014

"In giro per il (piccolo) mondo": il 2015

"Lavoro di formazione": il 2016

"In corso d'opera...": il 2017

 

"Gli inizi": il 2009

Tutto nacque al Teatruto di Costalissoio nel freddo autunno del 2009 (non perché l'autunno del 2009 fu particolarmente freddo, ma perché al Teatruto fa freddo anche in piena estate ), quando l'eclettico Claudio Michelazzi decise di aprire anche in Comelico un "laboratorio di teatro" giovanile. Le adesioni non tardarono ad arrivare, e, in breve, si formò un gruppo di ragazzi che si ritrovava il sabato pomeriggio per affinare le proprie tecniche recitative, fino allora assopite. Il nome della compagnia fu presto scelto: "I Comelianti", nato dall'evidente gioco di parole. La formazione iniziale de I Comelianti era composta da: Alessandro Zandonella, Annalisa De Zolt, Claudio Sacco Proila, Giorgia Comis, Maddalena Casanova, Manuele Carbogno, Monica Pomarè, Patrizia Kratter e Romina Casanova.

"Le prime uscite": il 2010

Man mano che le lezioni dell'esperto Michelazzi proseguivano, si cominciavano a vedere i primi frutti. I membri del gruppo, allora, decisero di improvvisarsi autori, cominciando a scrivere uno spettacolo teatrale proprio. Con il passare dei mesi, arrivò la prima occasione di esibirsi ad un pubblico, non con una rappresentazione teatrale, bensì con delle letture dal vivo di particolari autori: infatti, grazie all'iniziativa della "Fondazione Centro Studi Transfrontaliero del Comelico e Sappada", I Comelianti furono coinvolti nel progetto, organizzato in collaborazione con la Biblioteca Comunale di Santo Stefano di Cadore, quella di Comelico Superiore e quella civica di Sappada, intitolato "Un Ponte Culturale per la Convivenza Civile nella Legalità", che prevedeva, durante la primavera del 2010, delle serate aperte al pubblico in compagnia di diversi autori famosi, quali Lirio Abbate, Gaetano Savatteri e Lidia Ravera, invitati a discutere su diverse tematiche, trattate nelle proprie opere, come le problematiche legate alla mafia o all'educazione dei figli; dopo un ciclo di letture di preparazione tenutesi ognuna in una biblioteca della zona, I Comelianti si esibirono anche alla presenza degli autori stessi, un'emozione veramente unica per gli "attori in erba"!

Una sera, in un bar di Pieve di Cadore, avvenne casualmente un incontro che cambiò il futuro dei Nove: infatti, alcuni membri de I Comelianti si imbatterono in Nelio Grandelis, il quale, dopo averli fatti cantare a squarciagola con il suo karaoke, propose loro di registrare qualche recita di poesie per la trasmissione, da lui stesso curata per la rete locale ed emittente bellunese Tele Belluno, Amici di Teresa; detto fatto, in una serata (o meglio, in una nottata, non è vero Nelio? ) tutti i pezzi furono messi su nastro (o, visti i modernismi, su supporto digitale ) e poi trasmessi durante le varie puntate del programma.

Con l'approssimarsi del 2 giugno, il Comune di Santo Stefano propose al gruppo di esibirsi in letture tratte da brani storici dell'immediato secondo dopoguerra, e stralci della Costituzione Italiana, nell'ambito delle celebrazione per la Festa della Repubblica: I Comelianti non si lasciarono scappare l'occasione, si "piazzarono" letteralmente in piena piazza Roma, ognuno su un piedistallo, e, per circa un'ora, recitarono i passi e le letture preparate a tutti gli incuriositi passanti.

Ma, dopo tutte questi seppur interessantissimi ed apprezzati avvenimenti di letture dal vivo, I Comelianti non vedevano l'ora di andare in scena con una propria rappresentazione teatrale, per cui si erano preparati così a lungo. L'occasione arrivò ben presto, quando il Comune di Auronzo di Cadore contattò il gruppo per invitarlo alla rassegna artistica "Cadore Arts Festival". Naturalmente i membri accettarono senza alcuna riserva, nonostante non avessero nessuno spettacolo pronto: di necessità virtù, ed il gruppo, nel giro di due sole settimane, scrisse, realizzò e preparò al meglio il suo primissimo spettacolo comico, intitolato "Cinematti da Legare", che venerdì 18 giugno 2010, nonostante la tensione per la prima messa in scena di una loro rappresentazione, debuttò alla grande nella sala consiliare del Comune di Auronzo. La "prima" andò così bene che, non appena I Comelianti furono invitati ad un altro festival teatrale, intitolato "Insuda a Costalissoio", accettarono al volo, e, domenica 27 giugno, riproposero il loro spettacolo, per l'appunto, a Costalissoio, proprio presso il Teatruto, dove tutto è cominciato: quello che si dice "giocare in casa"! Non restava che aspettare l'occasione propizia per un'ultima messa in scena di "Cinematti", e, grazie alla collaborazione del Bar Centrale di Dosoledo, la data fu fissata al 22 agosto.

Nel frattempo, si profilò un'altra esibizione, ancora a Santo Stefano, alla Festa dell'Emigrante tenutasi l'8 agosto presso il Parco Medola: I Comelianti si esibirono, durante il pomeriggio, con l'intrattenimento per i più piccoli, leggendo dal vivo fiabe e racconti per piccini, un evento, questo, risoltosi con un successo nonostante le estemporanee gocce di pioggia.

Con l'avvicinarsi dello spettacolo del 22 agosto, un "massiccio" passaparola fra i membri del gruppo e i propri conoscenti sembrava aver avuto successo, ma nonostante, comunque, tutti si aspettassero, la sera della rappresentazione, un buon afflusso di pubblico, nessuno avrebbe mai osato immaginare una cosa del genere; ogni attore restò a bocca aperta non appena si affacciò sul palcoscenico improvvisato per l'occasione: infatti, il piazzale antistante il Bar Centrale, dove si teneva la rappresentazione, era stipato in ogni ordine di posto; la serata non poté che risolversi in un grandissimo successo.

Chiusasi alla grande la prima stagione, per I Comelianti, ad inizio autunno, giunse un altro momento decisivo: infatti, la formazione dei componenti subì una variazione: Maddalena, Patrizia e Romina rinunciarono ed uscirono dal gruppo a causa di impegni personali. A rimpiazzarle, però, arrivarono Laura De Mario e Lorenzo Tonon, due nuovi giovani membri.

Ai primi di ottobre arrivò l'invito a partecipare ad un'altra rassegna teatrale, che avrebbe dovuto tenersi in varie località del Comelico, intitolata "Autunno a Teatro in Comelico", ed organizzata dal Comune di Santo Stefano di Cadore, dalla Biblioteca Comunale di Comelico Superiore e dal gruppo Musicale di Costalta. I Comelianti accettarono, e si misero subito a scrivere un nuovo spettacolo comico, che in breve prese forma con il titolo "Rime in Osteria". La data fissata era il 30 ottobre presso la sala polifunzionale di Dosoledo. E, proprio come l'ultimo spettacolo portato in scena sempre a Dosoledo, ancora una volta la serata fu un grandissimo successo di pubblico.

Durante la preparazione dell'esibizione del 30 ottobre, giunse al gruppo una nuova proposta, ovvero l'invito da parte dell'Associazione Sot Narlä di Padola ad esibirsi nel proprio paese. I Comelianti accettarono di buon grado di riproporre l'ultimo loro spettacolo, "Rime in Osteria", e la data fu fissata per il 10 dicembre. La sera della rappresentazione, anche il paese di Padola, che vedeva per la prima volta un esibizione del gruppo, rispose positivamente: lo svolgimento della serata, tenutasi nell'accogliente sala della Regola, di fronte ad un calorosissimo pubblico, non potè che lasciare enormemente soddisfatta la compagnia.

La seconda replica della rappresentazione "Rime in Osteria" si tenne il 17 dicembre a Campolongo, presso la sala della Regola, in una serata organizzata dallo stesso gruppo in collaborazione con la Regola di Campolongo: anche qui si ripetè il successo di pubblico delle ultime esibizioni, grazie ai numerosi spettatori che vennero ad assistere allo spettacolo, riempiendo la stupenda sala.

A seguito dell'invito del Consorzio Turistico Auronzo-Misurina e del Comune di Auronzo di Cadore, a distanza di sei mesi dalla sua ultima esibizione ai piedi del monte Agudo (che, tra l'altro, I Comelianti ricordano assai volentieri, essendo essa la loro primissima performance dal vivo con un loro spettacolo), la compagnia, il 30 dicembre, potè riproporre il suo ultimo lavoro anche ad Auronzo, e così pure il pubblico auronzano assistette a "Rime in Osteria", riempiendo la sala consiliare del Municipio, per la grande soddisfazione del gruppo, che così chiuse alla grande il suo 2010.

"Orizzonti allargati": il 2011

Il primo appuntamento del nuovo anno si è svolto, grazie alla gentile ospitalità della famiglia Tonon, presso il Cinema Piave di Santo Stefano di Cadore il 13 gennaio 2011, quando I Comelianti hanno replicato, per la quarta volta, l'ultimo lavoro "Rime in Osteria", ospitando, durante la serata, l'associazione a scopo benefico Vita Senza Dolore, la quale ha illustrato al pubblico presente la propria attività. Anche questa ennesima riproposizione ha avuto successo, ed i numerosi spettatori, che hanno riempito le seggiole del cinematografo (una cosa già vista, no? ), hanno seguito e sostenuto, con le proprie risate ed i propri calorosi applausi, tutta la rappresentazione.

Dopo la pausa per i festeggiamenti carnevaleschi , venerdì 11 marzo, il gruppo ha riproposto ancora, per la sesta volta, "Rime in Osteria", stavolta a Costalissoio, presso il Teatruto, luogo di ritrovo abituale de I Comelianti, ove essi svolgono le prove dei loro spettacoli; consapevoli di giocare "in casa", la compagnia si è presentata in "gran forma" di fronte al numeroso pubblico, che ha riempito la seppur piccola sala, facendo divertire e ridere a più non posso tutti gli spettatori.

Nemmeno il tempo di "tirare il fiato", ed ecco cominciare una nuova avventura per il gruppo: infatti, sabato 12 marzo, I Comelianti hanno partecipato, in qualità di collaboratori al progetto, alla prima serata della nuova edizione di "Un Ponte Culturale per la Convivenza Civile nella Legalità", di cui erano stati co-protagonisti un anno prima, iniziativa, questa, organizzata sempre dalla "Fondazione Centro Studi Transfrontaliero del Comelico e Sappada". Durante la prima "serata con l'autore", tenutasi presso la sala polifunzionale di Dosoledo, e che vedeva come ospite il giornalista ed autore televisivo Enrico Vaime, I Comelianti hanno interpretato alcuni passi estrapolati dai libri scritti dallo sceneggiatore.

Alla fine del mese di marzo, più precisamente sabato 26, il gruppo ha riportato in scena, per l'ultimissima replica, lo spettacolo "Rime in Osteria", presso il ristorante Tobolo di Candide, paese, questo, ancora non "toccato" da I Comelianti. La serata, particolarmente apprezzata da uno straordinario pubblico, si è risolta con l'ennesimo successo, e la rappresentazione ha così potuto andare "in soffitta" nel migliore dei modi.

Dal mese di aprile, per il gruppo, ecco arrivare un'altra gradita novità: l'ingresso fra i membri di una nuova e giovane leva, Giuly De Candido, che ha, così, aumentato il numero degli elementi della compagnia a nove persone.

I Comelianti, sabato 21 maggio, hanno avuto l'occasione di esibirsi in una versione "riadattata" di alcuni propri sketch comici, presso il palazzetto dello sport di Santo Stefano, durante la serata del Saggio di Danza organizzata dall'A.S.D. Sport Life Dolomiti. Anche se presenti in quattro elementi su nove, i giovani attori sono riusciti a far divertire l'incuriosito pubblico, presentando anche i vari balletti delle giovani danzatrici durante il corso dell'evento.

Altra tappa da segnalare nella storia del gruppo, è stato l'appuntamento del 3 giugno, presso il museo Algudnei di Dosoledo, in una serata dedicata alla prosa e alla poesia in dialetto ladino, in cui alcuni membri della compagnia hanno recitato e letto alcuni stralci di opere di artisti comelicesi, in collaborazione con il gruppo Musicale di Costalta, e alla presenza del poeta locale Irlino Doriguzzi.

Ad un anno quasi esatto dal loro debutto con le proprie rappresentazioni comiche, I Comelianti sono stati invitati, per il secondo anno consecutivo, alla rassegna artistica del Cadore Arts Festival, tenutasi ad Auronzo di Cadore. Il gruppo si è esibito, nel pomeriggio di domenica 12 giugno presso il Cinema - Teatro Kursaal, con il suo nuovo spettacolo "Un po' di Cabaret". Il pubblico, seppur non affluito in numero "massiccio", ha comunque dimostrato di aver apprezzato l'esibizione, sostenendo i giovani comici con calorosi applausi.

Sabato 2 luglio, la compagnia ha avuto la possibilità di partecipare all'inaugurazione del percorso artistico "Un Bosco da Favola", il quale, pensato e realizzato dall'instancabile comitato "Vita nelle Vie" e costellato da numerose statue in legno realizzate dalle mani di abili artisti locali, si snoda fra i boschi vicino a Santo Stefano di Cadore, dall'albergo Krissin al Monaco Sport Hotel. I Comelianti hanno interpretato a loro modo la favola intitolata "Comelino e il Segreto di Bajarde", scritta dagli organizzatori per l'occasione, di fronte ad un nutritissimo pubblico, il quale non ha mancato di trasmettere il proprio incoraggiamento al gruppo con numerosi battimani e graditissimi attestati di stima.

A partire dai primi giorni di luglio, ecco un'altra graditissima novità: infatti, grazie alla gentile disponibilità del Comune di Santo Stefano di Cadore, sono stati messi a disposizione del gruppo, da parte dell'Ente, due locali, situati a Santo Stefano in via Venezia, nei pressi del Gran Bar Piave, dove il gruppo si potrà riunire per le prove dei suoi spettacoli.

I Comelianti hanno così potuto usufruire della nuova sala prove già per prepararsi alla serata di venerdì 15 luglio, quando sono stati invitati dai gestori del rifugio Rinfreddo, presso l'omonima malga di Dosoledo, per un'esibizione: la compagnia ha naturalmente risposto "presente", ed ha portato in scena, per la seconda volta, lo spettacolo comico "Un po' di Cabaret"; gli spettatori partecipantiti, accorsi "in alta quota" per l'occasione, sono stati particolarmente calorosi nei confronti degli attori , dimostrando di essersi divertiti nell'assistere agli sketch e lasciandosi andare, spesso e volentieri, a sonore risate.

Dopo quasi cinque mesi costellati di duro lavoro per la realizzazione della nuovissima rappresentazione comica, il 2 agosto, finalmente, la lunga attesa si è conclusa ed il gruppo ha portato in scena per la primissima volta la sua ultima e sudata opera intitolata "Mare & Monti", presso l'albergo Bellavista a Dosoledo. L'emozione e la tensione della vigilia per i giovani attori era alta, viste le molte energie ed il tanto tempo speso nella lavorazione allo spettacolo. Ma le preoccupazioni si sono rivelate infondate, perché, già alle primissime battute della rappresentazione, grazie anche ad uno straordinario pubblico, tutte le tensioni iniziali sono state spazzate via e la compagnia ha saputo offrire ai numerosissimi spettatori accorsi un'ottima performance, durante la quale tutti i presenti hanno seguito con trasporto la trama dello spettacolo, fra grasse risate e scroscianti applausi, facendo in modo che la serata si risolvesse con un enorme successo.

Appena il tempo di una breve pausa, ed ecco un altro impegno per I Comelianti: il gruppo, infatti, a seguito del gradito invito del comitato "Vita nelle Vie", ha accettato di partecipare alla rassegna "Vita nel Bosco" con tre eventi tutti dedicati all'intrattenimento dei più piccoli, durante il primo dei quali, tenutosi nel pomeriggio del 4 agosto, i giovani attori hanno interpretato dal vivo, presso il sentiero artistico "Un Bosco da Favola" a Santo Stefano, alcune fiabe e favole per bambini; l'allegro e vivace piccolo pubblico, accompagnato dai genitori, si è divertito, anche se più per le simpatiche statue situate lungo il percorso che per le favole , "colorando" comunque di allegria il bosco di Baiarde.

Grazie al graditissimo invito dell'associazione CostaltArte, I Comelianti hanno avuto l'opportunità di esibirsi per la primissima volta a Costalta, nell'ambito della rassegna artistica "Una statua di legno, in una casa di legno, in un paese di legno"; la compagnia, nella serata di lunedì 8 agosto, ha riproposto il suo ultimo lavoro "Mare & Monti" in una gremita sala della Regola: il pubblico entusiasta non ha smesso di ridere e battere le mani per tutta la durata della rappresentazione, attribuendo, addirittura, agli attori, alla fine dello spettacolo, uno dei più lunghi applausi che il gruppo stesso ricordi, per l'enorme soddisfazione dei giovani artisti.

Ad un mese e mezzo dalla partecipazione all'inaugurazione del percorso artistico "Un Bosco da Favola" a Santo Stefano, nel pomeriggio di giovedì 18 agosto, nell'ambito della rassegna "Vita nel Bosco" curata dal comitato "Vita nelle Vie", I Comelianti hanno riproposto l'interpretazione "a tappe" della fiaba "Comelino e il Segreto di Baiarde", coinvolgendo allegramente un numeroso ed interessato pubblico, formato da bambini e dai loro genitori.

Il giorno dopo, nella serata di venerdì 19 agosto, la compagnia era attesa dal debutto nella manifestazione "Vita nelle Vie" a Santo Stefano: I Comelianti hanno riproposto, all'interno della riuscitissima rassegna, il loro spettacolo "Un po' di Cabaret", di fronte ad un pubblico numerosissimo, che, dall'inizio alla fine dell'esibizione, ha sostenuto i giovani attori con i loro graditissimi applausi, per l'enorme soddisfazione finale dei membri del gruppo.

Trascorse appena 48 ore e per I Comelianti era già ora di un'altra esibizione: domenica 21 agosto, infatti, è toccato a Dosoledo venir contagiato dall'allegria dello spettacolo "Un po' di Cabaret", riproposto nella piazzetta antistante il Bar Centrale, come già era successo esattamente un anno prima con la rappresentazione "Cinematti da Legare"; e, proprio come allora, un pubblico entusiasta è accorso per l'esibizione dei giovani attori, riempiendo in ogni ordine di posto la spazio divenuto, per una sera, un vero e proprio "teatro all'aperto". I numerosi spettatori hanno dimostrato, con lunghi applausi e sonore risate, il proprio apprezzamento durante l'intera esibizione, riempiendo di felicità e soddisfazione ogni membro del gruppo.

Venerdì 26 agosto, invitata per la seconda volta nel giro di poco più di un mese al rifugio Rinfreddo, la compagnia ha riproposto, presso l'omonima malga, il suo ultimo lavoro teatrale "Mare & Monti"; il pubblico, accorso numeroso, ha assistito all'opera dei giovani artisti, sostenendo il gruppo con i propri incessanti applausi, facendo sì che la serata si risolvesse con l'ennesimo successo.

Nel pomeriggio di martedì 30 agosto, si è chiusa la rassegna "Vita nel Bosco", ed il "numero" finale della fortunata ed incantevole iniziativa è toccato proprio a I Comelianti, che hanno interpretato, in maniera del tutto originale, la fiaba scritta dagli stessi componenti del gruppo, intitolata"La Leggenda degli Animaletti di Legno"; l'esibizione, tenutasi a Santo Stefano, presso la parte iniziale del tracciato "Un Bosco da Favola", ha visto la partecipazione di diversi bambini, accompagnati dai propri genitori, i quali hanno seguito attentamente il racconto, divertendosi, oltre che nell'ascoltare la favola, anche con le statuine di legno che erano state piazzate sul prato dai membri della compagnia.

L'ultimo impegno di una densissima estate piena di appuntamenti si è svolto presso le Terme delle Dolomiti, nel pomeriggio di domenica 4 settembre, quando il gruppo ha riproposto lo spettacolo "Un po' di Cabret"; il pubblico presente, che ha riempito in ogni ordine di posto il locale dove si teneva l'esibizione, ha gradito molto la performance dei giovani attori, apparsi in ottima forma, forse anche perché, finalmente, si esibivano con il proprio organico al gran completo, cosa inusuale per questo spettacolo.

Dopo una breve pausa per riposarsi dalle fatiche estive, I Comelianti sono tornati alla ribalta con la riproposizione del loro ultimo lavoro "Mare & Monti", nella serata di venerdì 23 settembre. Questa volta l'occasione era del tutto speciale, in quanto il gruppo si esibiva per la primissima volta fuori dai confini del Comelico, in una località del Centro Cadore, più precisamente nella sala parrocchiale di Lozzo di Cadore, grazie alla gentile ospitalità della parrocchia locale. La serata rappresentava una totale novità per la compagnia, visto che si sarebbe esibita di fronte ad una nuova platea e ad un nuovo pubblico. I componenti del gruppo si sono dati da fare alla grande, apparendo in splendida forma ed offrendo un'ottima performance ai nuovi spettatori, i quali hanno dimostrato di gradire la rappresentazione con numerosi applausi a scena aperta. L'esibizione, vista la sua buona riuscita, ha rappresentato senz'altro per I Comelianti, più che un traguardo, un vero e proprio punto di partenza per futuri spettacoli da tenersi nelle località del Centro Cadore, fino a questo momento poco o per niente toccate dalla compagnia.

Durante la mattinata seguente, sabato 24 settembre, il gruppo ha rinnovato la graditissima collaborazione con il comitato "Vita nelle Vie", esibendosi nuovamente, presso il sentiero "Un Bosco da Favola" a Santo Stefano di Cadore, con l'interpretazione della favola "Comelino e il Segreto di Baiarde" per un pubblico formato esclusivamente dai bambini delle scuole primarie e secondarie del comprensorio comelicese e dai loro insegnanti.

"Rotto il ghiaccio" con la loro primissima esibizione in Centro Cadore di fine settembre, I Comelianti hanno concesso il "bis cadorino" a Domegge sabato 15 ottobre, presso la "prestigiosa" sala San Giorgio, concessa grazie al patrocinio del Comune. Durante la serata, il gruppo ha riproposto la commedia "Mare & Monti", rappresentazione che il pubblico, presente in buon numero, ha dimostrato di apprezzare, seguendo lo spettacolo con ilarità e sostenedo con molta partecipazione i giovani attori.

Dopo l'entusiasmante parentesi cadorina, sabato 12 novembre, la compagnia è tornata a calcare un "palcoscenico" comelicese: I Comelianti, infatti, si sono esibiti presso le ex scuole elementari di San Nicolò di Comelico, per la serata conclusiva della rassegna artistica "Autunno a Teatro in Comelico", che li aveva visti co-protagonisti anche nell'edizione 2010; il gruppo, per l'occasione, ha portato in scena il nuovissimo spettacolo "Un po' di Cabaret - parte 2^", presentato completamente rinnovato rispetto alla prima parte dello stesso, andata in scena durante l'estate appena trascorsa: il pienone di pubblico ha contraddistinto l'esibizione degli attori, i quali sono stati ininterrottamente sostenuti dai graditissimi applausi di tutti i presenti.

Sabato 26 novembre, a distanza di otto mesi esatti, I Comelianti sono tornati ad esibirsi al ristorante Tobolo di Candide, dove hanno portato in scena "Un po' di Cabaret - parte 2^" davanti ad un divertito e caloroso pubblico, che ha assistito allo spettacolo con grasse e molto "rumorose" risate per tutta la durata dell'esibizione.

E, dopo Candide, è toccato a Padola ospitare "Un po' di Cabaret - parte 2^": mercoledì 7 dicembre, infatti, il gruppo, ospite dell'Associazione "Sot Narlä", ha proposto il suo spettacolo nella sala della Regola di Padola davanti ad un pubblico non numerosissimo, ma senz'altro molto caloroso.

Sabato 17 dicembre, al gruppo è toccato la trasferta più lunga fino a questo momento mai effettuata : infatti, la compagnia ha portato la sua rappresentazione "Mare & Monti" in quel di Feltre, ospite dell'associazione Feltre Insieme e della Consulta Giovanile di Feltre nell'ambito della manifestazione "Fantasie di Natale". Il pubblico feltrino che ha riempito il tendone riscaldato allestito per l'occasione ha dimostrato di apprezzare lo spettacolo, permettendo che il "pomeriggio teatrale" si risolvesse con un buon successo, per la soddisfazione dei giovani attori, impegnatisi non poco nella loro opera per ben figurare nella trasferta cittadina.

Due giorni dopo il Natale, in piazzetta Ospitale ad Auronzo, il gruppo ha partecipato all'iniziativa ideata dalla mitica "Strilly" e supportata dal Comune di Auronzo di Cadore e dal Comitato Turistico Auronzo-Misurina, intitolata "Un Natale da Strilly": una "tre giorni" dedicata ai bambini e alla solidarietà; durante il primo pomeriggio della manifestazione, I Comelianti si sono esibiti con le letture dal vivo delle favole dei "Narli della Val Comelico", i fiabeschi e leggendari "esseri" abitanti dei boschi del Comelico, accompagnati proprio da questi ultimi, di fronte ad un nutrito pubblico di interessati e divertiti bambini.

Per chiudere l'anno in bellezza, venerdì 30 dicembre, la compagnia, ospite del gruppo teatrale Le Longane de Loze, è ritornata ad esibirsi in Centro Cadore, più precisamente presso il teatro "improvvisato" allestito nella palestra comunale di Lozzo di Cadore; I Comelianti, apparsi al "top" della forma, hanno riproposto, nell'ambito dell'iniziativa teatrale "Lozzo: Natale a Teatro", lo spettacolo "Un po' di Cabaret - parte 2^" di fornte al divertito ed allegro pubblico cadorino.

"Per grandi e per piccini": il 2012

Il primo impegno del nuovo anno è caduto venerdì 27 gennaio 2012: in occasione della Giornata della Memoria, infatti, il gruppo, ospitato dalla Magnifica Comunità di Cadore presso il Palazzo Pellegrini di Lozzo di Cadore, ha lasciato da parte le proprie commedie comiche per esibirsi con delle letture dal vivo a carattere decismanente più impegnato; l'esibizione a tema de I Comelianti ha fatto da "cornice" alla conferenza tenuta dalla giovane dottoressa Silvia Silvani, che aveva come argomento i vari aspetti della particolare cultura ebraica, chiamata "Yiddish", correlati con i terribili avvenimenti della "Shoah".

Dopo quasi tre mesi dall'ultima uscita con un loro spettacolo, I Comelianti sono tornati a calcare un palcoscenico sabato 17 marzo, presso la sala della Regola di Campolongo, con il loro lavoro "Mare & Monti": il pubblico, dopo una lunga attesa per vedere finalmente il gruppo all'opera con la sua commedia, è accorso numerorissimo, riempiendo la sala in ogni ordine di posto, sostenendo la compagnia con enorme calore e con una miriade di graditissimi applausi.

L'ultimo giorno del mese di marzo, grazie all'iniziativa della Biblioteca Comunale di Comelico Superiore, I Comelianti hanno avuto l'apprezzata occasione di esibirsi per gli alunni della scuola primaria di Dosoledo, venendo chiamati ad interpretare la propria favola intitolata "La Leggenda degli Animaletti di legno" di fronte ad un centinaio di piccoli e divertitissimi spettatori.

In occasione della festività del 25 aprile, il gruppo ha accolto l'invito della consulta giovanile "Diciamo la Nostra!" di Feltre, per un'esibizione nella cittadina bellunese, dove già aveva presentato un proprio spettacolo alla fine del 2011, nell'ambito della manifestazione "Gioia del Dono 2012", un evento dedicato ai bambini e alle loro famiglie, organizzato dai giovani feltrini assieme all'Associazione Feltrina Donatori di Sangue. Per l'occasione, I Comelianti hanno portato in scena lo spettacolo "Un po' di Cabaret - parte 2^": nonostante alcuni inconvenienti tecnici che l'hanno un po' intralciata, soprattutto a livello acustico, l'esibizione si è risolta con un successo, ed i numerosi bimbi, con i loro genitori, hanno dimostrato di apprezzare la performance.

Dopo una serie di riproposizioni durata esattamente nove mesi, la commedia "Mare & Monti" ha chiuso il suo ciclo di repliche lunedì 30 aprile, presso il cinema Piave di Santo Stefano. La serata ha visto la partecipazione di un nutrito pubblico, che, per l'ennesima volta, ha potuto divertirsi e farsi un po' di risate assistendo alla rappresentazione frutto della fantasia e del lavoro della compagnia, che per l'ultimissima volta ha portato in scena lo spettacolo.

Sabato 5 maggio, I Comelianti hanno avuto la gradita possibilità di esibirsi all'interno dello spettacolare evento organizzato dalla rock band comelicese dei Senza Filtro per celebrare i suoi primi dieci anni di attività, all'interno del tendone allestito presso il campo sportivo di Lacuna a San Nicolò di Comelico. Molti sono stati i gruppi musicali che si sono esibiti nel corso della manifestazione, che è stata una sorta di pregevole rassegna di rock band locali: la compagnia, fra un complesso e l'altro, per intrattenere gli spettatori, ha portato in scena, di fronte ad un divertito pubblico, alcuni dei propri sketch estrapolati dai due "Un po' di Cabaret", parte 1^ e 2^, introducendo anche, di volta in volta, gli artisti e presentando la serata.

Nella serata di sabato 26 maggio, il gruppo è arrivato per la prima volta in quel di Danta di Cadore, esibendosi con lo spettacolo "Un po' di Cabaret - parte 2^" in una sala delle Regole gremita. L'evento, organizzato dall'associazione "Insieme si Può", aveva uno scopo benefico: infatti, tutte le offerte libere raccolte durante la serata, sono state destinate al sostentamento di una missione carmelitana in Madagascar e per un centro medico infantile ucraino. Inutile dire che I Comelianti sono stati davvero felici di aver potuto partecipare a quest'azione benefica, contribuendo, nel loro piccolo, alla meritevole iniziativa dell'"Insieme si Può".

Dall'inizio di maggio, è sopraggiunto, per il gruppo, un altro cambio di formazione: infatti, Monica, uno dei membri "storici" de I Comelianti, nonché co-fondatrice della compagnia nell'ormai lontano 2009, a causa di impegni personali, ha dovuto abbandonare l'attività teatrale. Perciò il numero dei componenti è tornato a scendere ad otto elementi.

Nuovo impegno per il gruppo nel pomeriggio di martedì 10 luglio. I Comelianti, infatti, presenti con una parte dei propri membri, hanno partecipato, esibendosi con la lettura dal vivo di alcune leggende auronzane con l'accompagnamento musicale di alcuni suonatori, all'evento organizzato dal Comune di Auronzo di Cadore in collaborazione con l'Istituto Ladins de la Dolomites di Borca di Cadore ed intitolato "N ota era...", tenutosi sulle rive del lago di Auronzo. La manifestazione ha attirato un discreto numero di spettatori, rimasti affascinati dalla bellezza del paesaggio e ben impressionati dall'esibizione degli artisti.

Nella serata di martedì 17 luglio, I Comelianti hanno partecipato alla rasegna "Arte in Gioco", organizzata dal clown Strilly, presso il parco Roccolo di Pieve di Cadore, con il loro spettacolo "Un po' di Cabaret - parte 2^". Il pubblico non è stato fra i più numerosi, ma gli attori sono comunque riusciti a far divertire i seppur pochi spettatori presenti all'evento.

Dopo il "forfait" causa maltempo della serata in agenda il 20 luglio nella serata di apertura della rassegna "Vita nelle Vie" a Santo Stefano, il gruppo, grazie all'iniziativa del Comune di Santo Stefano di Cadore, ha recuperato l'esibizione mercoledì 1° agosto, sempre nel luogo dove era stata originariamente in programma, ovvero presso la piazzetta dell'Emigrante, tra il municipio ed il Gran Bar Piave a Santo Stefano. La compagnia ha riproposto il suo spettacolo "Un po' di Cabaret - parte 2^" ad un pubblico non numerosissimo, ma che, comunque, ha seguito con interesse gli sketch proposti dagli attori.

Le esibizioni estive del gruppo sono proseguite con l'appuntamento dell'8 agosto, in cui I Comelianti sono "sbarcati" per la prima volta a Lorenzago di Cadore, esibendosi con il loro spettacolo "Un po' di Cabaret - parte 2^" presso il teatro-oratorio del paese, nell'ambito della 12^ edizione della rinomata rassegna artistica "Lorenzago Aperta". "Complici" anche la magnifica sala od i numerosissimi spettatori, la serata si è risolta con un gran successo e la compagnia ha avuto il privilegio recitare di fronte ad uno dei pubblici più calorosi mai avuti.

Neanche un attimo di respiro, ed il giorno seguente, 9 agosto, I Comelianti hanno onorato l'invito del Circolo Culturale di Costa "Le Ongane", esibendosi, per l'appunto, a Costa di San Nicolò di Comelico, presso il tendone allestito per l'occasione nella piazza del paese, con lo spettacolo "Un po' di Cabaret - parte 2^", andato in scena per l'ultima volta. Anche nella serata comelicese, il riscontro è stato ottimo ed il divertito pubblico, in particolar modo quello "giovane" delle prime file , ha sostenuto con i propri applausi e le proprie risate l'esibizione degli attori.

Nel pomeriggio di giovedì 30 agosto, si è tenuto l'ultimo appuntamento di una serie complessiva di cinque dell'iniziativa, organizzata dalla Biblioteca Comunale di Santo Stefano di Cadore e patrocinata dalla Provincia di Belluno e dalla Regione Veneto tramite la campagna "RetEventi Cultura Veneto 2012", denominata "Favole sul Cubo". Durante i pomeriggi estivi del 24 e 31 luglio e del 7, 21 ed, appunto, 30 agosto, I Comelianti si sono cimentati nell'interpretazione dal vivo di diverse favole a tema, uno diverso per ogni appuntamento, presso il giardino della Biblioteca di Santo Stefano. Notevole è stato il successo dell'evento, che ha visto una folta partecipazione di bambini e genitori, i quali hanno potuto anche rifocillarsi con una merenda gentilmente offerta dagli organizzatori.

Sabato 1° settembre, il gruppo è stato invitato a partecipare alla prima edizione della "Festa della Poesia", presso il salone del Cos.Mo. a Pieve di Cadore. I Comelianti, presenti con alcuni dei propri effettivi, hanno letto ed interpretato diversi componimenti di autori locali ed internazionali, affiancati dalla validissima compagnia teatrale dei "Lavori in Corso" di Valle di Cadore ed accompagnati al pianoforte dalla pianista Gioia Amico. La serata ha avuto un ottimo riscontro di pubblico e gli amanti della poesia, accorsi numerosi, hanno seguito con passione e coinvolgimento le interpretazioni dei due Gruppi.

Nella serata di giovedì 6 settembre, I Comelianti hanno onorato l'invito del Comune di Auronzo di Cadore, il quale, a distanza di due mesi dall'ultima uscita ai piedi del monte Agudo, ha richiamato il gruppo ad esibirsi con un paio di letture dal vivo presso il locale Ribotta. Il pubblico presente ha seguito con interesse i racconti auronzani interpretati dai giovani attori.

A quasi tre mesi dall'ultima uscita dal vivo, la compagnia è ritornata ad esibirsi, stavolta presso il municipio di Lorenzago, domenica 2 dicembre, grazie al gentile invito della Pro Loco locale, con un'interpretazione della favola "Festa di Natale" di Carlo Collodi, davanti ad un nutrito gruppo di divertiti bambini e genitori.

Per la compagnia, la data "cerchiata in rosso" era senz'altro venerdì 7 dicembre, serata nella quale era stato fissato il debutto della prima uscita della nuovissima commedia comica "L'Eredità", anch'essa interamente ideata, scritta e realizzata dal gruppo stesso. La realizzazione della nuova rappresentazione ha richiesto ben un anno intero di lavoro, a partire dall'ideazione, alla scrittura dei testi, fino alla creazione delle scenografie e alla messa in scena finale, perciò era ben comprensibile la tensione dei membri del gruppo per la prima uscita. Inoltre, vista la massiccia pubblicità fatta all'evento, tramite il passaparola fra i conoscenti e su Facebook, e grazie perfino anche alla citazione nelle dirette di due radio locali, Radio Cortina e Radio Club 103, i giovani artisti si attendevano sì una buona affluenza di pubblico, ma mai si sarebbero aspettati di trovarsi di fronte al Cinema Piave di Santo Stefano, luogo dell'evento, completamente esaurito in ogni ordine di posto, compreso anche qualche spettatore costretto a rimanere in piedi a causa del pienone. Nonostante l'apprensione iniziale, gli attori si sono via via sciolti, man mano che proseguiva l'esibizione, ed alla fine hanno reso al meglio, sostenuti dai numerosissimi applausi di un calorosissimo pubblico, il quale ha partecipato allo spettacolo con sonore risate anche durante un piccolo "incidente" con un oggetto di scena rimasto "spompato"... La serata si è dunque risolta con un grandissimo successo, chiudendo alla stragrande un proficuo 2012 e facendo siglare il record della compagnia del numero di spettatori presenti ad un suo spettacolo. L'anno di lavoro è stato di sicuro ben ripagato.

• "La tribù si allarga": il 2013

Il primissimo appuntamento del nuovo anno era di quelli da "far tremare le vene ed i polsi". Infatti la compagnia, grazie al graditissimo invito dell'Associazione culturale "Una Montagna di Teatro", era attesa, per sabato 12 gennaio, dal debutto nella città di Belluno, per la riproposizione del suo ultimo lavoro "L'Eredità". La serata era in programma al teatro del Centro Diocesano Giovanni XXIII, un contesto davvero degno di nota. Prima di salire sul palcoscenico, tutti gli attori, anche se ormai rodati da quasi tre anni di esibizioni, sentivano la tensione, considerando l'importanza della prima nel capoluogo di provincia. Ma, nonappena iniziata la commedia, l'ansia si è sciolta, e gli artisti, sostenuti dal calorosissimo pubblico bellunese, hanno dato il meglio di sé, e sono stati infine premiati da una serie di applausi ed addirittura da una "quasi" ovazione finale.  Alla fine della serata, il gruppo non poteva che essere molto soddisfatto, ed anche molto grati verso i ragazzi di "Una Montagna di Teatro" per aver permesso alla compagnia di esibirsi in tale cornice. Nessuno avrebbe mai immaginato che la primissima uscita a Belluno avrebbe potuto risolversi in un successo del genere. E questo era soltanto l'inizio del 2013, per la serie: "se il buon giorno si vede dal mattino"...

Per la seconda uscita dell'anno, si è avuto, stavolta, un appuntamento di letture dal vivo. Infatti, grazie all'invito del Consorzio Turistico Val Comelico, I Comelianti hanno potuto esibirsi in una "Suggestione sotto le stelle", interpretando alcune brevi fiabe e leggende del Comelico, per allietare i partecipanti alla CiaspDoloMitica Night, passeggiata notturna con le ciaspe, tenutasi nella serata di sabato 16 febbraio lungo il sentiero che si snoda nei boschi nei pressi dell'albergo Krissin a Santo Stefano di Cadore, già luogo di altre esibizioni del gruppo, in occasione dell'evento "Un Bosco da Favola" dell'estate 2011.

Un'occasione "storica" per il gruppo è capitata venerdì 8 marzo, quando, grazie all'invito di Nives Milani, I Comelianti sono stati intervistati in diretta nel programma "Il gran mattino" dell'emittente Radio Cortina, dove hanno parlato della storia della compagnia e del loro prossimo appuntamento con la replica dello spettacolo "L'Eredità" che si sarebbe tenuto il giorno dopo ad Auronzo.

Ed infatti, a seguito della proposta dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Auronzo, del Consorzio Auronzo-Misurina e dell'Istituto Ladin de la Dolomites alla rassegna "CulturAruonzo 2013... È di scena", il gruppo ha avuto l'opportunità di riproporre nuovamente il suo ultimo lavoro "L'Eredità" proprio ad Auronzo di Cadore, luogo in cui la compagnia stessa debuttò con una propria rappresentazione. La serata, in programma al cinema-teatro Kursaal sabato 9 marzo, si è risolta un un nuovo successo, grazie anche ad un numeroso pubblico, che ha riempito quasi totalmente il teatro ed ha sostenuto calorosamente i giovani attori, dimostrando alla fine di aver gradito l'esibizione de I Comelianti con i suoi ripetuti applausi.

Il 27 aprile, I Comelianti sono tornati in Centro Cadore, più precisamente a Pieve, dove hanno portato in scena il loro ultimo lavoro "L'Eredità". La serata, organizzata dal Club Poesia e Teatro di Pieve e patrocinata dal Comune di Pieve di Cadore, si è svolta al Cos.Mo., sede del Museo dell'Occhiale e già teatro in passato di un'esibizione del gruppo, dove il pubblico accorso, seppur non numerosissimo, ha applaudito a lungo la "performance" della compagnia.

A distanza di un mese dall'uscita di Pieve, più precisamente nel pomeriggio di domenica 26 maggio, il gruppo ha avuto l'opportunità di tornare a Feltre con un proprio spettacolo, grazie all'invito della Consulta giovanile "Diciamo la Nostra!", con cui già la compagnia aveva collaborato nel recente passato nel recente passato. I Comelianti si sono esibiti presso il palaghiaccio, nell'ambito della prima edizione della "Festa della Salute", organizzata dall'Ulss n. 2 di Feltre, legata quest'ultima alla manifestazione sportiva "Corri Feltre". Per l'occasione, ha debuttato il nuovissimo spettacolo "Ancora... Un po' di Cabaret (parte 3^)", seppur in una versione ridotta. Gli spettatori, anche se non numerosissimi, si sono decisamente divertiti ad assistere ai nuovi sketch proposti da I Comelianti, ed alla fine dell'esibizione, il gruppo è stato anche insignito di un attestato di partecipazione all'evento, rilasciato dall'Ulss di Feltre, che sarà esposta orgogliosamente in sede.

Dopo una lunga fase organizzativa e di preparazione, una nuova iniziativa è andata in porto durante le ultime settimane del periodo primaverile. Infatti, il gruppo ha concentrato i propri sforzi, assieme a quelli del Comune di Santo Stefano di Cadore e di altri Enti della zona del Comelico, nella realizzazione e promozione di un laboratorio teatrale aperto a tutti per adulti e ragazzi, curato da una vecchia conoscenza della compagnia: Claudio Michelazzi. Ampia è stata la partecipazione all'iniziativa. Nella prima parte del corso, che si è tenuta dal 31 maggio al 27 giugno in alcuni locali comunali a Santo Stefano, il prof di teatro ha tenuto cinque lezioni, le quali hanno trattato diversi temi: dalle tecniche di base di recitazione, all'improvvisazione, alla fonetica, fino alla drammaturgia. Il progetto si è rivelato un successo, preparando così la strada alla seconda parte del corso, che è cominciata poi il 24 agosto.

Già prima dell'inizio del laboratorio, alcuni novelli aspiranti attori, Lucas, Chiara, Vilma, Elena, Elisa, Sara ed Arianna, hanno cominciato ad affiancare la compagnia, prendendo parte ad un percorso che li ha visti seguire delle prove a loro dedicate per "iniziarli" al teatro, sotto la supervisione di alcuni membri più "esperti" del gruppo. Questo periodo di "apprendistato", che è cominciato nella primavera 2013, ha man mano fatto "crescere" i nuovi, fino a che non sono stati pronti per il debutto "ufficiale" di fronte ad un pubblico. Ciò è avvenuto sabato 13 luglio, quando si sono esibiti, accompagnati da un paio di membri di "vecchia data" della compagnia, con delle letture teatrali presso il museo Algudnei di Dosoledo. Per tutti loro, l'esperienza è stata il primo approccio ad un palcoscenico, ma, nonostante si trattasse della loro prima volta, a parte una leggera "ansia da debutto" subito sconfitta, la serata si è risolta in un buon successo, ed il pubblico ha dimostrato di apprezzare, anche con un grosso applauso finale, l'esibizione dei nuovi "adepti". La collaborazione fra i novelli artisti ed I Comelianti continuerà nei mesi a venire, contando che possa divenire sempre più importante ed assidua.

Un nuovo appuntamento con le letture dal vivo è caduto domenica 21 luglio, quando i membri del gruppo, accompagnati da qualcuno dei "nuovi" attori, si sono esibiti al parco Medola di Santo Stefano, per il primo appuntamento della seconda edizione della rassegna "Favole sul Cubo", evento organizzato dal gruppo AttivaMente Cittadini, alla quale la compagnia aveva già partecipato nel 2012. I Comelianti hanno letto dal vivo alcune favole e filastrocche all'aperto, in una calda giornata di sole, di fronte ad un pubblico formato sia da bambini che da genitori ed accompagnatori, i quali hanno dimostrato il loro apprezzamento con diversi applausi. Alla fine dell'esibizione, tutti i partecipanti, attori compresi, sono stati rifocillati da una salutare merenda di futta fresca di stagione, offerta dagli organizzatori.

Martedì 30 luglio, lo spettacolo "L'Eredità" ha toccato quel di Lorenzago, nell'ambito della rassegna "Lorenzago Aperta" edizione 2013, manifestazione alla quale il gruppo aveva partecipato già un anno prima. La serata al teatro-oratorio, forse anche complici le numerose "assenze" da ferie, non ha visto la partecipazione di un pubblico molto numeroso, ma nonostante ciò, i presenti hanno comunque applaudito ampiamente l'esibizione della compagnia.

La messa in scena della commedia "L'Eredità" a Lorenzago è coincisa anche con l'ultima uscita assieme al gruppo di Giorgia, la quale, a causa di impegni lavorativi, ha dovuto abbandonare la compagnia, della quale era una delle co-fondatrici. I Comelianti tutti, perciò, per l'occasione, le hanno fatto i migliori in bocca al lupo per il proseguo di vita.

A distanza di un anno esatto, martedì 6 agosto, I Comelianti sono tornati nel paesino di Costa di San Nicolò, invitati dal Circolo Culturale Le Ongane. Per l'occasione, il gruppo ha fatto debuttare, per quanto riguarda il Comelico, il suo nuovissimo spettacolo di cabaret, intitolato "Ancora... Un po' di Cabaret (parte 3^)", completamente rinnovato e giunto, come dice il titolo stesso, alla sua terza versione. La compagnia si è esibita nel tendone allestito per l'occasione nella piazza del paese, davanti ad un numeroso e calorosissimo pubblico, che ha dimostrato il suo apprezzamento con molte fragorose risate. Si può senz'altro dire che la "prima" in Comelico del nuovo "lavoro" del  gruppo si è risolta in un buon successo!

Venerdì 9 agosto, in occasione di una delle serate della rassegna "Vita nelle Vie", e come secondo appuntamento della manifestazione "Favole sul Cubo" 2013, I Comelianti hanno interpretato lungo le vie di Santo Stefano alcune letture dal vivo, aventi come tema "Polvere di stelle", visto l'approssimarsi della ricorrenza di San Lorenzo e della nota e suggestiva pioggia di stelle cadenti.

Nemmeno il tempo di tirare il fiato, ed il giorno dopo, sabato 10 agosto, il gruppo era atteso da una nuova uscita con il suo ultimo lavoro cabarettistico "Ancora... Un po' di Cabaret", stavolta a Dosoledo, nella piazzetta antistante il bar Centrale. Come ormai da abitudine per tutte le esibizioni a Dosoledo, lo spettacolo si è risolto in un gran successo di pubblico, accorso anche da tutti i paesi vicini e composto sia da valliggiani che da turisti, il quale ha apprezzato moltissimo lo show, lasciandosi andare a grasse risate per tutto l'arco della serata. Un altro buon risultato per la mini "tournee" estiva della compagnia.

Mercoledì 14 agosto, in occasione della tradizionale serata dei fuochi d'artificio a Santo Stefano organizzata dal Comune, I Comelianti hanno portato in scena lo spettacolo "Ancora... Un po' di Cabaret" in piazza Roma, dividendo il palco con il gruppo musicale dei Desperados. Il numeroso pubblico ha apprezzato l'esibizione, nonostante lo spettacolo abbia dovuto essere notevolmente accorciato per questioni organizzative.

Nel pomeriggio di sabato 31 agosto, si è tenuto l'ultimo appuntamento dell'iniziativa Favole sul Cubo, organizzato dal gruppo AttivaMente Cittadini, nella piazzetta dell'Emigrante a Santo Stefano. La compagnia ha interpretato dal vivo, durante la manifestazione "Lego Mania" dedicata ai bambini ed ai loro mattoncini Lego, alcune favole dal vivo, allietando il pomeriggio di bimbi e genitori.

Sabato 7 settembre, la compagnia ha preso parte alla seconda edizione della "Festa della Poesia", che si è tenuta presso la sala della Magnifica Comunità di Cadore a Pieve di Cadore. Già presente durante l'edizione precedente, il gruppo ha interpretato dal vivo, assieme ai bravissimi "colleghi" attori della compagnia "Lavori in Corso" di Valle di Cadore, e di fronte ad un nutritissimo pubblico che ha assiepato la sala in ogni ordine di posto, diverse poesie di autori locali, nazionali ed internazionali. Una magnifica serata, organizzata impeccabilmente dal Club Poesia e Teatro di Pieve di Cadore, la quale ha visto come protagonista indiscussa la poesia, e che è voluta essere un'esaltazione ed un omaggio ad uno dei modi di espressione dell'essere umano.

Con l'arrivo dell'autunno, ecco un'importante novità in seno al gruppo: infatti, dopo mesi di continue prove, laboratori ed esibizioni “test”, si sono finalmente aggiunti “ufficialmente” alla compagnia i nuovi “adepti” che da tempo ormai ne seguivano l'attività. I Comelianti sono quindi lieti di poter dare il benvenuto fra i ranghi ad: Anna, Arianna, Chiara, Elena, Elisa, Filippo, Lucas, Sara e Vilma!

Sabato 12 ottobre, il gruppo si è cimentato in un tema più impegnato: in occasione del 50° anniversario della sciagura del Vajont, I Comelianti hanno curato e realizzato uno spettacolo di letture teatrali sul tema, intitolato "Coscienza e ragione: parole sul Vajont". La prima dello spettacolo è andata in scena ad Erto, uno dei paesi coinvolti nella catastrofe del 9 ottobre 1963, presso il Centro Visite del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane. La serata, organizzata dalla Pro Loco di Erto e Casso, dal Comune di Erto e Casso, dall'EcoMuseo Vajont e patrocinata dallo stesso Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, ha visto la compagnia esibirsi di fronte ad un nutrito pubblico che ha riempito la sala ed ha seguito con molto interesse le letture, le quali ripercorrevano vicende vissute sulla propria pelle da parecchi presenti. Gli attori hanno avuto così il privilegio di poter ricordare la triste vicenda, e di dedicare la serata ai tanti scomparsi quella tragica notte, a tutti i soccorritori e a chi è sopravvissuto ed ha avuto la forza di continuare, permettendo così ai propri paesi ed alla propria terra di rinascere.

Per la messa in scena della prima replica dello spettacolo "Coscienza e ragione: parole sul Vajont", il gruppo ha scelto il Comelico, più precisamente il museo Algudnei a Dosoledo. Venerdì 15 novembre, la compagnia ha riproposto il suo lavoro, che aveva già riscosso consensi ad Erto, di fronte ad un nutrito ed interessato pubblico, il quale, accompagnato da I Comelianti, ha fatto un "tuffo nella storia", ripercorrendo la sciagura del Vajont, tramite le impegnate letture degli attori.

Dopo mesi di duro lavoro con il Laboratorio di arte teatrale, organizzato dalla compagnia stessa in collaborazione con Claudio Michelazzi ed alcuni Enti locali e tenutosi a Santo Stefano di Cadore nei mesi da giugno a novembre, per realizzare una nuova commedia, l'opera era finalmente compiuta e pronta per il suo debutto sabato 7 dicembre. I Comelianti, per la prima volta al completo con la loro nuova formazione, hanno portato in scena, presso la sala polifunzionale di Dosoledo, il loro ultimo lavoro intitolato "L'amore delle tre melarance", con la regia di Claudio Michelazzi. Era la primissima uscita con i nuovi attori ed il genere della nuova commedia differiva un po' da quelle abitualmente portate in scena, pertanto la tensione pre-spettacolo era ben comprensibile. Ma una volta partita la serata l'ansia si è sciolta, anche e soprattutto grazie ad un numerosissimo pubblico che ha riempito la sala in ogni ordine di posto, ed anche oltre dato che molti hanno dovuto restare in piedi, dimostrando il grande apprezzamento per il lavoro della compagnia e partecipando ampiamente all'esibizione. La performance, sostenuta come non mai da numerosi applausi del pubblico e da risate, si è conclusa con una vera e propria ovazione, "costringendo" gli attori ad una doppia serie di inchini finali. Inutile sottolineare la contentezza e la soddisfazione dei membri del gruppo, che hanno visti premiati in modo splendido tutti i loro sforzi.

Per l'ultima replica del 2013 dello spettacolo di letture "Coscienza e ragione: parole sul Vajont", venerdì 13 dicembre il gruppo ha affrontato, per la prima volta, la trasferta a Bolzano (comprendendo, in questo modo, tutto il Triveneto, considerate tutte le uscite), grazie all'invito dell'assocaizione Arci Bolzano-Bozen, riproponendo lo spettacolo, presso la sala "Pippo Foodchillstage" per la rassegna "Impronte di Storia - 50 anni dal disastro del Vajont", di fronte ad un pubblico non proprio numeroso, ma che comunque è rimasto molto colpito dalla tematica ed ha apprezzato l'esibizione della compagnia.

I Comelianti hanno chiuso il 2013 con l'ultimo appuntamento tenutosi sabato 28 dicembre ad Auronzo di Cadore, presso la piazzetta Ospitale, dove il gruppo si è esibito con la lettura dal vivo della favola "La Leggenda degli Animaletti di legno" di fronte a alcuni bambini ed i loro genitori, nell'ambito dell'iniziativa "Natale da Strilly", che già aveva visto ospite la compagnia durante le festività del Natale 2011, curata dal clown Elisa "Strilly".

• "Ufficiali e riconosciuti": il 2014

I Comelianti hanno aperto il nuovo anno 2014 con una replica del loro ultimo lavoro "L'amore delle tre melarance" a Pieve di Cadore, sabato 11 gennaio, presso la sala Cos.Mo., grazie all'invito del Club Poesia e Teatro di Pieve. Un discreto numero di spettatori ha fatto da cornice ad una ben riuscita interpretazione degli attori; pubblico che ha apprezzato la commedia con tutto il corollario di originali espedienti e stratagemmi recitativi inseriti all'interno della stessa. La serata si è sicuramente risolta con un discreto successo. "Buona la prima", come si suol dire!

Il 22 gennaio è una data "storica" per il gruppo, probabilmente uno dei momenti più importanti della sua vita: è proprio in quella data che I Comelianti hanno aquisito lo status di "associazione riconosciuta", e si sono trasformati in un ente riconosciuto legalmente ed ufficilamente, acquisendo personalità giuridica, dotandosi di nuovo Statuto, codice fiscale e partita IVA e diventando così una compagnia teatrale davvero a tutti gli effetti. Dopo un cammino durato più di quattro anni, un importantissimo e fondamentale traguardo è stato finalmente tagliato.

Dal 4 febbraio, la compagnia è anche affiliato alla U.I.L.T. (Unione Italiana Libero Teatro), federazione nazionale del teatro amatoriale, un altro prestigioso riconoscimento per il gruppo.

Dopo i vari progetti "burocratici" portati a termine, il 22 marzo è ripresa la "tournee" della commedia "L'amore delle tre melarance", che è stata portata in scena al teatro Kursaal di Auronzo di fornte ad un nutrito e calorosissimo pubblico, il quale ha riempito gran parte delle seggiole dell'ormai "ex cinema". Il gruppo ha ripagato i magnifici spettatori producendosi in una delle migliori esibizioni di sempre, e la serata, che rientrava nell'iniziativa "CulturAuronzo 2014" a cura dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Auronzo, del Consorzio Turistico Auronzo-Misurina e dell'Istituto Ladin de la Dolomites, si è risolta in uno dei più bei successi della compagnia.

Dopo la serie di riproposizioni, si è chiusa la stagione di repliche della commedia "L'amore delle tre melarance" con una nuova uscita, questa volta nel cuore del Comelico, a Campolongo. Infatti, sabato 17 maggio, presso la sala della Regola, il gruppo ha portato in scena la propria "piece" di fronte ad un caloroso e coinvolto pubblico, concludendo la serie di riproposizioni (ma soltanto per quanto riguarda il 2013/14) con un'altra esibizione ben riuscita e molto apprezzata dai presenti.

Conclusasi la stagione con la commedia delle "Melarance", la compagnia si è presa un paio di mesi di pausa dalle scene per ri-allestire lo spettacolo "Ancora... Un po' di Cabaret", che era stato "accantonato" nell'agosto del 2013, con i nuovi attori che, nel frattempo, erano entrati a far parte del gruppo. Il nuovo debutto è avvenuto a Candide, sabato 12 luglio, presso il tendone allestito per l'occasione al campo sportivo dai gestori del Bar Luminiera, organizzatori dell'evento. Nonostante i diversi inconvenienti "elettrici" che hanno interrotto più volte l'esibizione, e la copiosa pioggia che ha disturbato l'acustica della location, il nutrito pubblico, che ha stipato il tendone, si è divertito di fronte agli sketch messi in piedi dagli attori, in una serata che, nel complesso, si può dire riuscita, anche se i contrattempi tecnici non hanno consentito un perfetto esito dell'esibizione.

Da qualche tempo a questa parte, la compagnia ha deciso di "sdoppiarsi", portando avanti due progetti separati e contemporanei. Dunque, per l'estate 2014, se da una parte veniva proposto "Ancora... Un po' di Cabaret", dall'altra le ragazze del gruppo decisero di creare uno spettacolo di letture teatrali tutto al femminile: è così che è nato "DonnaIronia", che ha debuttato ad Auronzo giovedì 17 luglio, presso il Ribotta Art Bar. La prima della nuova "piece" si è tenuta nel piazzale antistante al locale, di fronte ad un pubblico non numerosissimo, ma di certo interessato alle letture, che le ragazze hanno saputo interpretare egregiamente, concedendo agli spettatori diverse gustose risate.

In una tournee estiva 2014 particolarmente ricca di date, non poteva non essere compresa un'uscita in Centro Cadore. E così, sabato 26 luglio, la compagnia ha avuto l'opportunità di tornare ad esibirsi al Cos.Mo. di Pieve di Cadore, ospiti del Club Poesia e Teatro di Pieve, stavolta con lo spettacolo "Ancora... Un po' di Cabaret". L'auditorium ha visto l'afflusso di un discreto numero di spettatori, che si sono divertiti alle spassose battute degli attori ed hanno dimostrato il loro apprezzamento con numerosi applausi.

Dopo l'esordio assoluto in quel di Auronzo, le ragazze della compagnia hanno debuttato anche in Comelico con il loro spettacolo "DonnaIronia", più precisamente a Campolongo, nella sala della Regola, l'ultimo giorno di luglio. Le attrici, in splendida forma, hanno allettato il pubblico, accorso in un discreto numero, con le loro letture ironiche sugli aspetti della visione del mondo femminile. Gli spettatori hanno dimostrato il loro apprezzamento per l'esibizione ben curata dalle ragazze, e la serata si è così risolta in un nuovo successo.

Due giorni dopo l'uscita di Campolongo, sabato 2 agosto, ecco una nuova data, stavolta nella vicina Santo Stefano, con un'altra replica di "Ancora... Un po' di Cabaret". Una copiosa pioggia ha costretto la compagnia a spostare la sede dalla piazzetta dell'Emigrante alla sala consiliare del Municipio. Seppur il pubblico non sia stato fra i più numerosi, la buona esibizione degli attori ha divertito i presenti, che hanno sostenuto il gruppo con il consueto calore ed una buona dose di applausi.

Domenica 3 agosto, su gentile invito dei gestori del centro sportivo Kral Ladin di Padola, I Comelianti si sono esibiti durante il primo di tre appuntamenti con delle letture di fiabe e brani per bambini, coadiuvati dall'intrattenimento del clown Elisa, presso l'impianto ricreativo. I bimbi presenti, ma anche i loro genitori, hanno apprezzato le letture, in un pomeriggio davvero divertente ed allegro.

Nella mattinata di giovedì 7 agosto, alcuni attori della compagnia, su invito dell'associazione Sport Life Dolomiti, hanno partecipato come intrattenitori presso il centro estivo per bambini di Santo Stefano, leggendo ed interpretando alcune fiabe e racconti per un divertito gruppo di bimbi. L'appuntamento era il primo di due date, di cui la seconda è stata programmata per il 29 agosto, in occasione della chiusura del centro.

Dopo il primo appuntamento del 3 agosto, I Comelianti hanno concesso "il bis" con le letture teatrali presso il Kral Ladin a Padola martedì 12 agosto. Ancora una volta il maltempo ha costretto gli attori ad esibirsi all'interno della struttura, ma gli attenti e divertiti bambini, assieme anche ai genitori, hanno apprezzato comunque l'intrattenimento pomeridiano offerto dalla compagnia.

Il ciclo delle letture per bambini al Kral Ladin si è poi chiuso mercoledì 20 agosto, con l'ultimo appuntamento avente come tema "i bambini ed il loro fantastico mondo", tenutosi ancora una volta all'interno della struttura causa maltempo (tanto per cambiare), davanti ad un pubblico di interessatissimi bambini: un'esperienza assolutamente da ripetere!

Le repliche estive di "Ancora... Un po' di Cabaret" si sono conlcuse sabato 23 agosto: su invito del Comune di Zoppè di Cadore, la compagnia ha riproposto lol spettacolo nel bellissimo e caratteristico paese cadorino, presso il tendone allestito per l'occasione in piazza Masi Simonetti. Il numeroso pubblico accorso, nonostante l'insolito freddo per la stagione, si è rivelato uno dei più calorosi davanti ai quali il gruppo si è mai esibito, ed ha dimostrato tutto il suo apprezzamento con le proprie gustose risate. Per completare la serata, gli organizzatori dell'evento hanno offerto una squisita cenetta agli attori: un'ospitalità davvero eccezionale ed apprezzatissima.

Domenica 24 agosto, era già tempo di un altro spettacolo: le ragazze della compagnia hanno riproposto "DonnaIronia", in una serata originariamente prevista presso il bar Centrale a Dosoledo, ma poi spostata, causa maltempo, al museo Algudnei. L'evento ha visto la partecipazione di un discreto numero di spettatori, che hanno seguito attentamente lo spettacolo di letture e si sono divertiti ascoltando gli ironici testi interpretati dalle attrici.

Per la conclusione del centro estivo per bambini organizzato dalla Sport Life Dolomiti, la mattina di venerdì 29 agosto, alcuni attori del gruppo si sono esibiti di fronte all'interessatissimo pubblico formato dai bimbi e dalle accompagnatrici, che si sono davvero entusiasmati assistendo all'interpretazione dei brani e delle fiabe preparati appositamente per loro, per un'esperienza assolutamente da ripetere.

Per il terzo anno consecutivo, I Comelianti sono stati chiamati a prender parte alla Festa della Poesia, giunta quest'anno alla sua 4^ edizione, che si è tenuta a Pieve di Cadore, presso l'auditorium Cos.Mo., sabato 6 settembre. La manifestazione, curata come di consueto dal Club Poesia e Teatro di Pieve ed organizzata in collaborazione con il Comune di Pieve di Cadore, ha visto protagoniste 24 poesie di diversi autori locali, i cui versi sono stati interpretati dagli attori del gruppo, assieme a quelli di altre due storiche compagnie cadorine, i "Lavori in corso" di Valle di Cadore e "La fontana conta" di Vallesella.

Il fine settimana del 20 e 21 settembre, diversi attori della compagnia hanno preso parte al laboratorio teorico-pratico sulla voce messa in scena, tenuto dalla prof. Marzia Bonaldo a San Pietro in Gu (PD) ed organizzato dal Centro Studi della UILT Veneto. Gli argomenti del corso sono riportati qui. L'ottima sinergia venutasi a creare tra gli attori delle varie comagnie teatrali presenti ha creato un gruppo di lavoro creativissimo ed affiatato, sotto la guida esperta dell'insegnante, in un'atmosfera davvero unica. Inoltre, la partecipazione al laboratorio è stata anche occasione per i membri del gruppo di poter prendere parte anche all'Assemblea regionale UILT Veneto, tenutasi presso la medesima sede del corso.

Dopo la parentesi "formativa", la compagnia è tornata ad esibirsi dal vivo domenica 5 ottobre ad Auronzo di Cadore: in occasione della manifestazione "Gnoche n Festa 2014", organizzata dal Consorzio Turistico Auronzo-Misurina, il gruppo, dopo le svariate repliche estive, ha riproposto lo spettacolo "Ancora... Un po' di Cabaret". Gli spettatori, intenti ad assaggiare le specialità della cucina auronzana, tra una portata e l'altra, hanno assistito con piacere agli sketch dei Comelianti, applaudendo e sostenendo gli attori a più riprese con le loro risate.

Tra l'11 e il 12 ottobre, il gruppo si è esibito con uno spettacolo dedicato ai bambini: la rivisitazione della favola di Pinocchio. La lettura teatrale del racconto di Collodi è stata portata in scena per la prima volta nella serata di sabato 11 al ristorante Krissin di Santo Stefano di Cadore, davanti agli ospiti del locale, per un pubblico formato dai bambini e dai loro genitori.

Il pomeriggio dopo, la compagnia ha affrontato la trasferta in quel di Seren del Grappa, dove, presso il tendone allestito nella frazione di Rasai per la “Festa dei Moroni” e grazie all'invito del Comune, ha riproposto la lettura teatrale della fiaba di Pinocchio, per un nutrito pubblico di bambini, genitori ed anche nonni, che hanno apprezzato lo spettacolo, e si sono divertiti assistendo alle avventure del burattino di “Mastro Geppetto”.

Dal 30 ottobre al 7 dicembre, la compagnia è entrata a far parte del "direttivo" per l'organizzazione della rassegna cultural-teatrale che si svolge ogni anno in Comelico dal 2010 "Autunno a Teatro in Comelico". La realizzazione dell'iniziativa è stata condivisa con altre quattro associazioni di volontariato del Comelico, "Chei dla Bela Stela", "Gruppo La Baita", "Gruppo musicale di Costalta e "Sot Narlä". Per la 5^ edizione della rassegna, che si è tenuta varie località del Comelico, è stato allestito un cartellone di 6 eventi, fra cui anche un'esibizione degli stessi Comelianti.

Nel fine settimana del 15 e 16 novembre, alcuni membri del gruppo hanno preso parte ad Arzignano (VI) al corso di formazione teatrale "Il mondo di Arlecchino", tenuto dal docente Paolo Rozzi e promosso dal Centro Studi UILT Veneto. Gli argomenti del lavoratorio sono riportati qui.

Sabato 22 novembre, la compagnia è ritornata, per la terza volta nel corso dell'anno, ad esibirsi all'auditorium Cos.Mo. di Pieve di Cadore, dove le ragazze del gruppo hanno proposto lo spettacolo di letture teatrali "DonnaIronia", di fronte ad un nutrito pubblico che si è divertito grazie all'ironia delle attrici e alla spassosa esibizione.

Per l'ultimo appuntamento della rassegna "Autunno a teatro in Comelico 2014", domenica 7 dicembre, il gruppo si è esibito nella Sala delle Regole di Danta con lo spettacolo "Coscienza e ragione: parole sul Vajont". La serata si è risolta in un successo di pubblico, il quale, accorso in gran numero, ha seguito con trasporto le letture teatrali sul tema proposte dagli attori, tributando alla compagnia un lungo applauso finale.

Avvicinandosi il Natale, la Pro Loco Cianplongo ha organizzato per il pomeriggio di lunedì 22 dicembre un pomeriggio dedicato ai bambini. I Comelianti sono stati invitati dall'associazione per uno spettacolo di letture teatrali per bimbi, che si è tenuto presso la Sala della Regola di Campolongo. Allo spettacolo sono accorsi numerosi bambini, accompagnati da genitori e parenti, che si sono divertiti nell'ascoltare le fiabe recitate dagli attori, in un vero e proprio "pomeriggio da favola".

• "In giro per il (piccolo) mondo": il 2015

Per la prima esibizione del nuovo anno 2015, la compagnia ha tenuto una serata di letture teatrali organizzata dall'Alpstation Lavaredo di Cima Gogna in collaborazione con Montura. Il gruppo ha interpretato da vivo alcuni passi del libro di Erri De Luca "La parola contraria" ed altre sue opere, in una serata di solidarietà nei confronti dello scrittore napoletano e per la libertà di opinione, a cui hanno partecipato diverse persone interessate alla vicenda e alle opere di De Luca.

Venerdì 30 gennaio, è stata la volta dello spettacolo "DonnaIronia", che è stato riproposto presso la sala consiliare del municipio di Auronzo di Cadore come primo appuntamento della rassegna "Teatro Donna", organizzata dal Comune di Auronzo in collaborazione con il Consorzio Auronzo-Misurina e l'Istituto Ladin da la Dolomites. L'esibizione delle ragazze della compagnia si è risolta in un successo, ed il pubblico, accorso in discreto numero, ha dimostrato di apprezzare lo spettacolo attraverso i suoi prolungati applausi.

Nella mattinata di martedì 24 febbraio, la compagnia ha potuto intraprendere il primo passo di una nuova collaborazione con l'istituto scolastico locale: il gruppo si è esibito presso la scuola dell'infanzia di San Pietro di Cadore con delle letture teatrali animate di favole e racconti, di fronte ad un interessatissimo e divertito pubblico di bimbi, che ha apprezzato moltissimo le storie e soprattutto le spassose "smorfie" degli attori durante l'interpretazione delle fiabe.

Qualche giorno dopo, sabato 28 febbraio, la compagnia è stata invitata dall'associazione Sol Omnibus Lucet ad allietare il "dopo gara" degli iscritti alla gara CiaspDoloMitica Night, evento presso il quale cui il gruppo si era già esibito nell'edizione del 2013. L'evento, tenutosi presso lo Sport Hotel di Padola durante il "CiasPasta Party" organizzato per l'occasione, ha visto alcuni attori della compagnia impegnati nella lettura teatrale di divertenti brani, per l'intrattenimento dei partecipanti alla manifestazione, i quali hanno gradito il seppur breve "intermezzo".

Con l'approssimarsi della primavera, dopo lunghi mesi di preparazione, dure prove e tanto lavoro, il gruppo ha cominciato il "tour" con la propria commedia "L'Eredità", spettacolo già proposto nella stagione 2012/2013 e "rispolverato" a distanza di più di un anno e mezzo dall'ultima uscita. La commedia è stata completamente rielaborata e rivisitata dalla compagnia, grazie anche all'apporto di una nuova attrice, durante il periodo di allestimento. Giovedì 12 marzo presso il Cinema Piave di Santo Stefano di Cadore, lo spettacolo ha ri-debuttato, proprio nello stesso luogo in cui l'avventura ebbe inizio alla fine del 2012. Nell'immediato pre-spettacolo, la tensione fra gli attori era palpabile: tutta l'enorme mole di lavoro delle ultime settimane veniva finalmente "messa alla prova" davanti ad un pubblico. Ma una volta cominciata l'esibizione, l'ansia si è, come sempre, magicamente sciolta, e gli artisti hanno dato il massimo per offrire due ore di divertimento al folto pubblico che aveva assiepato la sala e che, infine, ha dimostrato di aver ampiamente gradito lo spettacolo attraverso i suoi numerosi e fragorosi applausi. Missione compiuta!

A due giorni dal debutto, subito un'altra uscita per "L'Eredità": la compagnia infatti, su invito della Proloco di Fonzaso, ha proposto la propria commedia nella località feltrina come 4° appuntamento dell'annuale rassegna teatrale locale. Il gruppo, che affrontava per la prima volta questo nuovo pubblico, si è tolto le soddisfazioni di vedere la sala gremita in ogni ordine di posto e di venire applauditi da spettatori che ancora non conoscevano al compagnia, oltre ad avere avuto la possibilità di sperimentare un ambito culturale mai fino ad ora esplorato.

Nel fine settimana del 22 e 23 marzo, alcune attrici della compagnia hanno affrontato il laboratorio per la messa in scena del testo "I monologhi della vagina", tenutosi a S. Bonifacio (VR) sotto al guida delle registe Federica Carteri e Roberta Zonellini.

Contemporaneamente al laboratorio di S. Bonifacio, domenica 22 marzo, la compagnia ha avuto l'opportunità di esibirsi per la prima volta a San Vito di Cadore, grazie all'invito dei Comuni di Borca, Cibiana, San Vito e Vodo di Cadore, che hanno chiamato il gruppo ad allietare la 5^ edizione della "Festa di primavera della terza età" presso la sala polifunzionale "Enrico De Lotto". Gli attori hanno proposto ai presenti una serie di divertenti letture teatrali e brevi sketch, consentendo ai festeggiati di passare un pomeriggio in allegria, fra grasse risate e tanti applausi.

L'ultimo appuntamento del mese di marzo ha visto il gruppo impegnato sabato 28 con lo spettacolo "DonnaIronia" a Mel, luogo "toccato" per la prima volta dalla compagnia. L'esibizione delle ragazze, nella bellissima sala degli Affreschi nel palazzo del Municipio, è stata assistita da un buon numero di spettatori, che hanno applaudito sonoramente e a lungo le attrici a fine spettacolo, segno di apprezzamento molto gradito. C'è sicuramente da sottolineare la magnifica cordialità e la calda accoglienza con cui gli organizzatori hanno ospitato la compagnia, che non sarà certo dimenticata tanto presto.

Nuovo appuntamento, domenica 12 aprile, con la stagione della commedia "L'Eredità", che è stata replicata presso il teatro Kolping di Brunico, cittadina in cui la compagnia si esibiva per la prima volta, mentre inedito per il gruppo era anche l'orario di inizio dello spettacolo, le 16.30. L'uscita rappresentava la quarta data della rassegna "Su il sipario: si ride", organizzata dalla Nuova Compagnia Teatro d'Arte di Brunico. Anche senza aver fatto segnare il tutto esaurito, il pomeriggio teatrale è risultato un'esperienza molto positiva, data l'ottima prova di tutti gli attori e il calore del pubblico presente, che ha dimostrato ampiamente il proprio apprezzamento.

Il 18 e il 19 aprile, alcuni membri del gruppo hanno partecipato al laboratorio di scrittura teatrale "Drammaturgia: creatività e artigianato", tenuto dal docente Paolo Zaffaina a Ponte S. Nicolò (PD).

Nella mattinata di mercoledì 22 aprile, la compagnia ha avuto l'opportunità di pubblicizzare la sua imminente uscita a San Vito di Cadore grazie all'invito di Nives Milani in diretta nel suo programma radiofonico "Il gran mattino" in onda sulle frequenze di Radio Cortina. Per il gruppo si trattava della sua seconda presenza in radio, dopo quella del marzo 2013.

A distanza di un mese circa dalla prima apparizione del gruppo in quel di San Vito di Cadore, sabato 25 aprile la compagnia è ritornata nel paese cadorino, stavolta con la commedia "L'Eredità", portata in scena sempre alla sala polifunzionale "Enrico De Lotto". Il pubblico accorso numeroso, è risultato uno dei più calorosi degli utlimi tempi: le risate e gli applausi degli spettatori hanno infatti accompagnato tutto lo spettacolo, per l'enorme soddisfazione degli attori.

Il giorno dopo, domenica 26, I Comelianti hanno concluso lo scambio culturale con la Nuova Compagnia di Teatro d'Arte di Brunico, che li avevano invitati ad esibirsi a Brunico il 12 aprile, ospitandola a loro volta per la rappresentazione della commedia "Le pillole di Ercole" al Cinema Piave a S. Stefano. L'inedito pomeriggio teatrale si è concluso con un buon riscontro di pubblico e con la soddisfazione degli organizzatori e del gruppo ospitato.

Sabato 9 maggio, in occasione della serata/concerto organizzata dall'associazione "La Sorgente", centro di formazione musicale cadorino, tenutasi presso la sala S. Giorgio di Domegge di Cadore, la compagnia ha avuto l'onore di ritirare dalle mani del presidente Rodolfo De Rigo Cromaro il premio "Amico del La Sorgente" edizione 2015 per l'attività teatrale portata avanti nel territorio del Comelico e Cadore, assieme agli storici sodalizi culturali comelicesi "Coro Comelico" e "Gruppo Ricerche Culturali di Comelico Superiore". Subito dopo la premiazione, come inframezzo alle esibizioni delle varie formazioni musicali, alcune attrici del gruppo hanno proposto al pubblico presente alcune letture tratte dallo spettacolo "DonnaIronia".

Un nuovo appuntamento con le repliche de "L'Eredità" si è tenuto venerdì 22 maggio a Cima Sappada, presso la sala convegni del museo etnografico "Giuseppe Fontana". Il gruppo tornava ad esibirsi a Sappada dopo più di 5 anni, dato che proprio nel paese delle sorgenti del Piave la compagnia registrò il proprio debutto assoluto nel 2010. Di fronte ad un pubblico, accorso in discreto numero, che durante la serata si è scaldato sempre di più, gli attori hanno dato il meglio di sé, guadagnandosi dei lunghi applausi finali.

Solo due giorni dopo l'uscita di Sappada, nella data storica di domenica 24 maggio, I Comelianti sono tornati su di un palcoscenico, stavolta al museo Algudnei a Dosoledo, dove la compagnia si è esibita, in occasione della manifestazione "Il Piave mormorava" organizzata dal Gruppo Ricerche Culturali e dal museo Algudnei per celebrare i 100 anni dall'entrata dell'Italia nel Primo Conflitto Mondiale, con delle letture dal vivo di diari scritti in tempo di guerra, interpretate assieme ad alcune attrici del Gruppo musicale di Costalta, offrendo il proprio personale omaggio ai tanti caduti, per ricordare in maniera appropriata l'infausto avvenimento.

Nella tarda primavera densa di avvenimenti teatrali per la compagnia, c'è stato spazio anche per una nuova collaborazione con l'Istituto Comprensivo di Comelico Superiore e Santo Stefano di Cadore nella mattinata di lunedì 25 maggio. Stavolta sono stati i bambini della scuola dell'infanzia di Candide ad assistere all'esibizione di alcune attrici del gruppo con le letture di brani e favole per bimbi: un'ora di divertimento teatrale molto costruttivo per tutti i piccoli alunni.

Venerdì 29 maggio si è esaurito il primo ciclo di repliche dello spettacolo "L'Eredità" per il periodo primavera 2015 in zona Cadore-Comelico. L'ultimo appuntamento si è tenuto nella sala San Giorgio di Domegge, dove gli attori della compagnia si sono esibiti davanti al pubblico domeglino, a distanza di quasi 4 anni dall'ultimo spettacolo in loco.

A cavallo tra maggio e giugno, più precisamente i giorni 31, 1 e 2, I Comelianti hanno collaborato con il Centro Studi UILT Veneto per la realizzazione del laboratorio teatrale "All'improvviso", curato dal docente Francesco Facciolli, che si è tenuto a Dosoledo, portando così per la primissima volta in terra comelicese un evento cultural-teatrale di portata regionale. Al laboratorio hanno preso parte diversi artisti provenienti da tutto il Veneto, che, tra l'altro, hanno avuto l'opportunità di conoscere il territorio del Comelico. L'occasione è stata colta anche da diversi membri del gruppo che hanno frequentato il corso tenuto dal regista maceratese, rivelatosi molto interessante ed utile a livello di tecnica del palcoscenico e non solo.

Sabato 25 luglio, a distanza di più di due anni e mezzo dal debutto, si è concluso il ciclo di repliche della commedia "L'Eredità", nell'occasione portata in scena presso l'auditorium "Mons. Vincenzo Savio" di Agordo, nell'ambito della rassegna teatrale "EstaTeatro 2015". Il gruppo, che per la prima volta calcava un palcoscenico nell'agordino, ha saggiato la calorosità del pubblico locale, che ha dimostrato il suo apprezzamento per la commedia brillante con numerosi e lunghi applausi rivolti agli attori. Una degna conclusione per uno spettacolo che ha rappresentato molto per I Comelianti.

Solo il giorno dopo, la compagnia si è esibita di nuovo, stavolta di nuovo in Comelico, più precisamente presso il centro sportivo "Kral Ladin" di Padola, con delle letture animate di fiabe e racconti per bambini, come primo di tre appuntamenti estivi, che si sarebbero andati a ripetere anche nel mese di agosto. I piccoli spettatori ed i loro genitori hanno assistito sul prato del parco giochi alla rappresentazione delle avventure dei personaggi delle favole lette da I Comelianti.

L'ultimo giorno di luglio, le ragazze della compagnia hanno avuto l'opportunità di "sconfinare" esibendosi per la prima volta in provincia di Udine, a Forni di Sopra. La compagnia ha infatti proposto lo spettacolo "DonnaIronia" presso il nuovissimo teatro "Ciasa dai Fornes", come secondo appuntamento della rassegna "Ciasa dai Fornes - Estate a Forni", organizzata dall'associazione "Iceman" e dalla compagnia teatrale "I Tecknicolor". La serata si è conclusa con un discreto successo di pubblico, il quale ha dimostrato di apprezzare l'esibizione con numerosi applausi.

Venerdì 7 agosto, la compagnia ha preso parte alla manifestazione "Vita nelle Vie 2015" che si tiene, come da tradizione, nelle strade di S. Stefano durante le serate estive. Il gruppo ha proposto uno spettacolo alquanto originale: l'esibizione "itinerante" prevedeva sei personaggi del tutto "particolari" recitare le loro parti muovendosi per le strade del paese, inscenando delle scenette esilaranti e molto appariscenti, attirando così l'attenzione dell'ignaro e divertito pubblico che passeggiava lungo le vie della manifestazione.

Il giorno dopo si tornava "alla normalità". Infatti I Comelianti erano attesi dal secondo appuntamento con il pomeriggio di letture animate per bambini presso il Kral Ladin di Padola. Lo spettacolo, che si è tenuto questa volta all'interno della struttura causa maltempo, ha entusiasmato i piccoli spettatori presenti, che sono rimasti rapiti dai personaggi dei favolosi racconti messi in scena dagli attori.

Per chiudere in bellezza il mese di agosto, la compagnia ha allietato ancora una volta bimbi e genitori, chiudendo così il ciclo di tre eventi con le letture animate, sabato 29 sempre al Kral Ladin di Padola. Una splendida e calda giornata ha fatto da ambientazione ideale per l'esibizione, che ha conquistato i piccoli spettatori, i quali hanno acclamato gli attori richiedendo ben due "bis" finali.

Venerdì 4 settembre, la compagnia ha debuttato con il suo spettacolo di letture teatrali "La Grande Guerra in Comelico", una pièce realizzata in occasione delle commemorazioni per il centenario dello scoppio della Prima Guerra Mondiale. L'esibizione si è tenuta presso il Rifugio Rinfreddo, nell'omonima malga di Comelico Superiore, davanti ad un pubblico non numerosissimo ma molto interessato: fra gli spettatori era presente perfino un gruppo proveniente da Belluno appositamente per l'occasione!

Solo il giorno dopo, la compagnia è stata chiamata ad un altro impegno: il tradizionale appuntamento con la Festa della Poesia, organizzata dal Club Poesia e Teatro di Pieve di Cadore, che, alla sua 5^ edizione (di cui ben 4 hanno visto protagonisti, tra gli altri, I Comelianti) si è tenuta, come da consuetudine, all'auditorium Cos.Mo di Pieve. La serata, che ha visto sul palcoscenico anche gli attori delle compagnie "Fontanta Conta" di Vallesella e "Lavori in Corso" di Valle di Cadore, è stata incentrata sull'interpretazioni di opere di diversi autori "storici" internazionali, inframezzate dagli interventi musicali di Franco Filipelli, per un vero e proprio tributo alla poesia.

Sabato 19 settembre, il gruppo è stato coinvolto nell'iniziativa promossa dai comuni di S. Stefano e S. Pietro di Cadore, dedicata alla presentazione del libro intitolato "Soffio di vita" dell'autore Mario Cedolin. Durante la serata, un'attrice della compagnia ha interpretato al pubblico alcuni passi dell'opera dello scrittore, presente in sala.

Dal 3 ottobre al 13 dicembre, la compagnia, assieme ad altre quattro associazioni di volontariato del Comelico, "Chei dla Bela Stela", "Gruppo La Baita", "Gruppo musicale di Costalta e "Sot Narlä", per il secondo anno consecutivo ha co-organizzato la rassegna cultural-teatrale itinerante "Autunno a Teatro in Comelico", giunta alla sua 6^ edizione complessiva. Un calendario di ben 9 appuntamenti, che si sono tenuti in varie località di tutti e cinque i comuni del comprensorio comelicese.

Domenica 4 ottobre, a Ponte S. Nicolò (PD), alcuni attori hanno preso parte al laboratorio tenuto da Daniele Filosi sulla promozione degli spettacoli, intitolato "La cassetta degli attrezzi".

Sempre ad inizio ottobre, due impegni ravvicinati attendevano il gruppo. Il primo di questi è stato un importante appuntamento artistico nella storia della compagnia: infatti, I Comelianti sono stati invitati dal Comune di Longarone e dalla Fondazione Vajont, a proporre lo spettacolo "Coscienza e ragione: parole sul Vajont" presso il Centro Culturale di Longarone sabato 10 ottobre, nell'ambito delle iniziative per il 52° anniversario della sciagura. Per gli attori, l'emozione di poter "raccontare" la storia proprio nella cittadina spazzata via dall' "onda della morte" ha fatto sì l'esibizione fosse davvero molto "sentita" e ricca di pathos, in tal modo il messaggio ha potuto raggiungere appieno tutti gli spettatori.

Il giorno dopo, domenica 11 ottobre, I Comelianti si sono esibiti per il secondo anno consecutivo alla Festa della Scuola a Rasai di Seren del Grappa, organizzata dal Comune, dove hanno portato in scena, presso il tendone allestito per l'occasione, alcune divertenti letture animate per bambini. Il giovanissimo pubblico ha apprezzato parecchio le storie raccontate dagli attori, richiedendo alla fine diversi "bis".

Una nuova occasione di collaborazione con l'Istituto scolastico comprensoriale si è tenuta durante la mattinata di sabato 24 ottobre, quando gli attori della compagnia si sono esibiti presso il Palazzo Poli di S. Pietro di Cadore di fronte ai giovani spettatori degli alunni delle classi 5^ Primaria e 1^, 2^ e 3^ Media di S. Pietro per le letture teatrali tratte dal libro per ragazzi di Laura Simeoni "La guerra di Piero", accompagnati al pianoforte dal nostro attore/musicista Lorenzo Tonon. La fantastica atmosfera instauratasi fra artisti e spettatori, anche grazie al magnifico ambiente dell'edificio storico sanpietrino, ha lasciato ben sperare per nuove e fruttuose collaborazioni future con le scuole locali.

Sabato 21 e domenica 22 novembre, la compagnia ha organizzato e partecipato ad un laboratorio teatrale formativo di base riservato ai membri del gruppo, tenuto in collaborazione con la compagnia "Slow Machine" di Belluno e curato da Rajeev Badhan, presso l'auditorium Cos.Mo. di Pieve di Cadore.

Tra venerdì 27 e domenica 29 novembre, un altro appuntamento formativo ha visto protagonisti gli attori della compagnia: a Schio (VI), infatti, alcuni di essi hanno preso parte al laboratorio teatrale "Il metodo delle azioni fisiche", tenuto dal drammaturgo, regista ed attore argentino Carlos Maria Alsina.

Sabato 12 dicembre, è andata in scena ad Agordo una nuova replica dello spettacolo "DonnaIronia", proposto all'auditorium "Mons. Savio" nell'ambito della rassegna intitolata "L'altra metà", organizzata dall'Ad Agordo Proloco in occasione della giornata contro la violenza sulle donne. Lo spettacolo, seguito attentamente dal pubblico agordino interessato e divertito, si è concluso con un eloquente brano letto da tutte le attrici sul palcoscenico, in solidarietà con tutte le donne che hanno subìto violenza da uomini (ma che, in realtà, di umano hanno però ben poco).

• "Lavoro di formazione" il 2016

L'attività per il nuovo anno ha preso il via soltanto a febbraio, ma si è trattato di un'iniziativa di importante spessore artistico: infatti, diversi membri del gruppo hanno aderito ad un laboratorio teatrale avanzato tenuto a Pieve di Cadore dai ragazzi della compagnia "Slow Machine" di Belluno, Rajeev Badhan e Elena Strada, tra febbraio e maggio. Il percorso artistico ha visto la partecipazione di molte persone di tutto il territorio comelicese-cadorino-cortinese, fra cui membri di altre compagnie o con esperienze teatrali all'attivo e anche persone che si approcciavano al teatro per la prima volta. Il gruppo così formato ha cominciato ad amalgamarsi gradualmente lavorando assieme settimanalmente su diversi aspetti teatrali: registici, drammaturgici, corporali, attoriali e svariati altri.

La prima vera e propria esibizione del 2016 è stata un'ampia collaborazione fra compagnie: infatti, sabato 21 maggio, presso il museo Algudnei di Dosoledo, I Comelianti, assieme agli attori delle compagnie Fontana Conta di Domegge, Gruppo musicale di Costalta, Lavori in Corso di Pieve e Teatrando di Cortina d'Ampezzo, hanno dato voce ai versi degli autori scelti per la serata di letture e decantazioni di poesie con accompagnamento musicale "La poesia nel mondo e nel tempo", promossa dal Club Poesia e Teatro di Pieve di Cadore e dalla Biblioteca Civica di Pieve, in collaborazione con il Gruppo Ricerche Culturali di Comelico Superiore e la stessa nostra associazione. L'evento ha visto la straordinaria collaborazione artistica di tutto il territorio dell'Alta Provincia di Belluno, per un' "asse" che ha unito idealmente Cortina con il Comelico, passando dal Centro Cadore. La serata ha avuto come assoluta protagonista la poesia, con autori provenienti da ogni angolo del pianeta e da ogni tempo, risalendo la storia dall'VIII Secolo a.C. sino ai nostri giorni. Nonostante l'affluenza di pubblico non eccezionale, lo spettacolo è risultato molto apprezzato dagli spettatori presenti, grazie anche all'ottima esibizione degli attori chiamati in causa e al delizioso accompagnamento al pianoforte dei testi recitati di Lorenzo Tonon.

Dopo parecchi mesi, il gruppo è tornato ad esibirsi in Comelico, in questo caso a Candide, sabato 11 giugno su invito dell'associazione Gruppo Candide. Per l'occasione, la compagnia ha realizzato uno spettacolo comico ad hoc: un misto di divertenti letture teatrali e sketch ripresi da diversi propri spettacoli precedenti. Gli attori hanno così intrattenuto in allegria il divertito pubblico presente, il quale ha potuto godere di una serata di leggera e pura comicità.

Nei pomeriggi di sabato 23 e domenica 31 luglio, e dei sabati 6, 13 e 20 agosto, la compagnia si è esibita con una serie di letture teatrali animate di fiabe e racconti per bambini e genitori presso il centro sportivo-ricreativo Kral Ladin di Padola. Gli attori, succedutisi di volta in volta per ogni pomeriggio teatrale, hanno intrattenuto in allegria i sempre divertiti e festanti piccoli spettatori, che hanno spesso richiesto "un bis" e poi "un altro bis" e "un altro bis"... Per l'occasione, si sono unite alla compagnia anche due giovanissime attrici in erba: Chiara e Gaia.

Venerdì 30 settembre, grazie all'invito della Pro Loco Valle di Cadore, il gruppo ha debuttato sul palcoscenico del teatro Antelao di Valle, proponendo lo spettacolo "DonnaIronia" al pubblico cadorino, che, seppur non intervenuto in grandissimo numero, ha potuto assistere per la prima volta ad una pièce della compagnia, dimostrando con gli applausi il proprio apprezzamento.

A partire da metà novembre, la compagnia ha ripreso il lavoro laboratoriale con la compagnia "Slow Machine" di Belluno, già iniziata nella prima parte del 2016, con la conduzione di Rajeev Badhan ed Elena Strada. Oltre agli attori della compagnia, hanno aderito all'iniziativa diversi altri attori di compagnie locali ed anche alcuni neofiti del teatro, di tutta la zona Comelico-Cadore-Cortina. Il prosieguo dell'attività è in programma fino a maggio 2017, quando sarà portata sulle scene per il pubblico uno spettacolo di presentazione del lavoro fatto nel corso dei mesi.

• "In corso d'opera..." il 2017

Con il primo mese dell'anno, ha preso il via un nuovo progetto della compagnia dedicata ai ragazzi: un laboratorio teatrale dedicato ai giovani dai 14 ai 18 anni che si tiene con due incontri al mese a S. Stefano di Cadore, presso le aule della scuola media. Il laboratorio è condotto dall'attrice ed educatrice teatrale Giulia Pivetta Stefani e vede impegnati ragazzi provenienti sia dal Comelico e Sappada che dal Cadore sino al mese di giugno. Il percorso mira ad utilizzare lo strumento teatrale non solamente per incrementare le tecniche recitative dei novelli attori, bensì anche come mezzo pedagogico per la formazione dei giovani, che in questo modo possono conoscere meglio sé stessi, il proprio corpo e le proprie emozioni, implementare le relazioni con gli altri ed anche aumentare la propria autostima e la convinzione dei propri mezzi, anche per i più timidi.

La prima esibizione dell'anno si è tenuta sabato 25 marzo alla Sala polivalente "La Tappa" di Valle di Cadore, nell'ambito della manifestazione "Gran galà di primavera", un evento di beneficenza a favore del comune terremotato di Cortino (TE), dove sono intervenuti vari artisti e gruppi culturali e sportivi. I Comelianti si sono esibiti per l'occasione con la lettura di un estratto del messaggio internazionale per la Giornata Mondiale del Teatro (27 marzo) di Isabelle Huppert e con alcune divertenti letture teatrali.

Venerdì 26 maggio, si è tenuta presso l'auditorium Cos.Mo. di Pieve di Cadore la presentazione di chiusura del laboratorio teatrale "La Fucina", organizzato dalla compagnia Slow Machine di Belluno. Il laboratorio, che si è svolto a Pieve di Cadore durante la stagione 2016/17, ha coinvolto diversi appassionati del Cadore, Comelico e Cortina, fra cui anche gli attori del gruppo teatrale I Comelianti, sotto la direzione di Rajeev Badhan ed Elena Strada della Slow Machine. I corsisti hanno portato in scena la dimostrazione finale del lavoro svolto nei 6 mesi di laboratorio, lavorando ed interpretando alcuni testi teatrali affrontati durante il percorso artistico.

A circa un mese di distanza dalla messa in scena del "saggio" del laboratorio "La Fucina", venerdì 30 giugno, i corsisti sono stati chiamati a portare, sempre sul palco dell'auditorium Cos.Mo. di Pieve di Cadore, una replica della presentazione finale già proposta ad un pubblico ristretto, nell'ambito della rassegna culturale "I luoghi dell'Anima", organizzata dal Club Poesia e Teatro di Pieve e dalla Biblioteca Civica. Gli attori, sempre guidati da Rajeev Badhan ed Elena Strada della compagnia SlowMachine, hanno messo in scena la dimostrazione del lavoro svolto davanti ad un discreto numero di spettatori.

Nei tre sabati pomeriggio a cavallo tra luglio e agosto, ovvero il 29 luglio e il 5 e il 12 agosto, la compagnia si è esibita con una serie di letture teatrali animate di fiabe e racconti per bambini e genitori presso la piazzetta dell'Emigrante a S. Stefano. Gli attori, succedutisi di volta in volta per ogni pomeriggio teatrale, hanno intrattenuto in allegria i piccoli spettatori, ma anche i grandi presenti. Alla fine di ogni spettacolo, grazie alla collaborazione del Gran Bar Piave, a tutti i partecipanti è stata offerta una gustosa merenda, che ha rifocillato gli spettatori presenti allo spettacolo. Per l'occasione, si sono uniti alla compagnia anche due giovanissimi attori in erba: Lorenzo e Caterina. L'evento è stato realizzato grazie al contributo del Comune di Santo Stefano di Cadore.

E siamo ormai giunti al presente, anzi, al futuro... Dopo aver raggiunto tanti obiettivi, il gruppo si è già prefissato di conquistarne altri di nuovi, in un prossimo futuro. La compagnia, oltre a mantenere viva e costante la sua mai spenta attività creativa, è ora attesa dalla alcune serie di repliche in giro per la provincia, ma non solo in provincia, dei suoi vari spettacoli in fase di rappresentazione.

E la storia continua......